Sport e Motori

Il tedesco Marcel Siem ha vinto l’81° Open d’Italia presented by Regione Emilia-Romagna

Ha superato al playoff il nordirlandese Tom McKibbin. Quattro azzurri in top ten: Andrea Pavan quinto, Matteo Manassero, Filippo Celli e Gregorio De Leo decimi

Il tedesco Marcel Siem ha vinto con 274 (69 68 66 71, -10) colpi, dopo un finale avvincente, l’81° Open d’Italia presented by Regione Emilia-Romagna, sul percorso dell’Adriatic Golf Club (par 71) a Cervia. Con un lungo putt per il birdie sull’ultima buca, ha raggiunto il nordirlandese Tom McKibbin (71 70 68 65) e poi lo ha superato con un altro birdie alla prima buca supplementare. A completare il trionfo tedesco, il terzo posto con 275 (-9) di Jannik De Bruyn alla pari con lo statunitense Sean Crocker.

Tra gli azzurri, quattro hanno concluso in top ten, dopo una bella prestazione. Il migliore è stato Andrea Pavan, quinto con 276 (64 73 69 70, -8), che ha ricevuto il Trofeo Regione Emilia-Romagna. E’ rimasto costantemente in alta classifica dopo essere stato leader nel primo giro. Subito dietro, decimi con 277 (-7), Matteo Manassero, Gregorio De Leo e Filippo Celli.

Tante emozioni nell’ultimo round. Ha iniziato McKibbin che con un 65 (-6, sei birdie), miglior score di giornata, rimontando dalla 36ª piazza, ha fissato l’asticella a “meno 10” rimanendo in lunga attesa nella club house. E’ stato sorpassato da Siem e dal francese Antoine Rozner e ci ha provato anche l’indiano Shubhankar Sharma, ma nelle ultime buche hanno ceduto. Anche il vincitore, che aveva preso un vantaggio di tre colpi, a una buca dal termine era in ritardo di uno, però ha rimediato con la prodezza a chiudere (71, par, quattro birdie e quattro bogey) e poi, sulla stessa buca 18, ha realizzato un altro birdie contro il par del nordirlandese. McKibbin ha ottenuto uno dei due posti nel field del prossimo The Open (18-21 luglio, Scozia) e l’altro è andato a Crocker.

Marcel Siem, 43enne di Mettman, 533 presenze, ha portato a sei i titoli sul circuito

E’ il secondo tedesco a imporsi nell’Open dopo Bernhard Langer, che fatto la doppietta (1983, 1997), e con il quale ha vinto la World Cup nel 2006. Tra i suoi successi quello nell’Alstom Open de France nel 2012, in cui superò di un colpo Francesco Molinari. E’ stata la sua quarta gara dopo uno stop per un intervento chirurgico a un’anca. Il “meno 10” è stato il punteggio con minor numero di colpi sotto il par con cui è stato vinto un torneo quest’anno sul DP World Tour dopo il “meno 11” del sudafricano Dean Burmester (South African Open) e di Guido Migliozzi (KLM Open domenica scorsa). Per il titolo ha ricevuto un assegno di 552.500 dollari (516.774 euro) su un montepremi di 3.250.000 dollari.

Pavan, che ha concluso la sua corsa con un 70 (-1, due bogey iniziali poi tre birdie), è stato affiancato da Rozner, Sharma, dall’americano James Nicholas e dallo spagnolo Adri Arnaus. Poco sopra metà graduatoria lo statunitense Patrick Reed, 29° con 279 (-5), a segno nel Masters del 2018.

Gli azzurri

Manassero e Celli hanno affrontato il round conclusivo con molta determinazione e sono risaliti di 17 posizioni entrambi con un parziale di 69 (-2), il primo con cinque birdie e tre bogey e il secondo con quattro birdie e due bogey. Ha ben tenuto Gregorio De Leo con un 72 (+1, tre birdie, due bogey, un doppio bogey). Orgogliosamente Migliozzi si è portato dalla 43ª alla 22ª posizione con 278 (-6) dopo un 68 (-3, sei birdie, tre bogey). Più indietro Aron Zemmer, 50° con 282 (-2), Edoardo Molinari e Jacopo Vecchi Fossa, 55.i con 283 (-1), e Lorenzo Scalise, 63° con 285 (+1).

Le dichiarazioni – Marcel Siem:

“Sono contento, è un successo fantastico, arrivato dopo una settimana incredibile. Quel primo putt imbucato alla 18 ha rappresentato uno dei momenti più belli della mia carriera. Poi, sono riuscito a ripetermi. È stato davvero straordinario. Grazie a questo pubblico meraviglioso, ai miei sponsor, alla mia famiglia, al caddie e a tutto lo staff”.

Franco Chimenti, Presidente della Federazione Italiana Golf:

“Marcel Siem è un mio grande amico e un campione assoluto. Speravo in un trionfo italiano, ma sono davvero felice di questa affermazione. E’ stato un Open d’Italia fantastico, da ricordare, in una regione, l’Emilia-Romagna, all’avanguardia. Che si è disputato su un campo difficilissimo, che ha messo a dura prova i campioni del DP World Tour. Appuntamento al 2025, quando l’Open d’Italia arriverà in Toscana, all’Argentario Golf Club”.

La cerimonia di premiazione

Sul green della buca 18 si è tenuta la cerimonia di premiazione dell’81°Open d’Italia presented by Regione Emilia-Romagna alla presenza di Franco Chimenti, Presidente della Federazione Italiana Golf; Andrea Corsini, Assessore a Mobilità e Trasporti, Infrastrutture, Turismo e Commercio della Regione Emilia-Romagna; Mattia Missiroli, Sindaco di Cervia; Alessandro Cardinali, Commercial Director Rolex Italia; Gianluca Serafini, Marketing Director Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking; David Williams, Tournament Director DP World Tour; Alessandro Rogato, Direttore dell’Open d’Italia; Fabio Di Pietro, Presidente dell’Adriatic Golf Club di Cervia.

Hanno seguito la gara nel giro finale il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il Capo della Segreteria politica della Presidenza della Regione Emilia-Romagna Giammaria Manghi.

Grande successo di pubblico

Grande successo di pubblico anche in questa edizione dell’Open d’Italia, che nei 4 giorni di gara ha visto la partecipazione di 17.750 spettatori complessivi (4.000 della prima giornata, 4.500 della seconda e nella quarta e 4.750 nella terza), che per scelta della Federazione e dell’Official Advisor Infront hanno potuto accedere gratuitamente all’Adriatic Golf Club di Cervia.

Un successo sicuramente legato al grandissimo evento sportivo, ma anche alle opportunità extra-sportive, con il lavoro di pianificazione e costruzione dei 30 stand del Villaggio Commerciale realizzato da Infront, dove sponsor, stakeholder istituzionali e aziende hanno offerto le proprie soluzioni, prodotti e servizi a tutti i visitatori.

Inoltre, un’area food & beverage dedicata e la zona del Family Open sono state realizzate dal team di Infront per accogliere tutti i partecipanti e per offrire a ragazzi e bambini, con il supporto di educatori qualificati CONI e di tecnici federali, la possibilità di svolgere diverse attività in varie discipline sportive, unendo alla passione per il grande golf la pratica di altri e divertenti momenti di sport.

Articoli Correlati

Check Also
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio