Cultura e SocietàFeaturedInterviste

Intervista a Quist, l’eclettico artista danese presenta “Breathing Space”

intervista-quist-breathing-space

Oggi scopriamo tutta la genialità di un musicista danese: Quist. Jacob Quistgaard nasce a Copenhagen e da subito capisce che la chitarra sarà una sua grande passione. Comincia una carriera che lo ha portato a collaborare con Bryan Ferry e a entrare nel cuore anche degli italiani che sul web lo seguono in tantissimi.
Oggi ci presenta il suo ultimo lavoro, “Breathing Space”, frutto di composizioni durante la pandemia e con suoni affascinanti e molto rilassanti. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Quist, come stai? Cosa devono aspettarsi i fan da “Breathing Space”?
Ciao! Gli ascoltatori possono aspettarsi un universo sonoro di suoni calmi e rilassanti, pieni di chitarre morbide e bluesy. Ma anche tastiere calde, registrazioni atmosferiche, ritmi particolari ed effetti sognanti e meditativi come chitarre invertite.

Questo album è molto particolare e sicuramente ha delle sonorità affascinanti. Puoi dirci l’ispirazione dietro queste canzoni?
L’ho composto per due motivi: in quel momento mi sembrava giusto rallentare e rifugiarmi in questo universo di suoni rilassanti e, cosa forse più importante, mi sembrava giusto invitare gli ascoltatori a rallentare.
Prendersi del tempo per rilassarsi, sognare, per pensieri positivi, meditare, rilassarti e staccare la spina. Sono stati anni impegnativi e, almeno per me, trovare momenti di calma sembra una cosa sana e significativa da fare.

Come crei di solito una canzone?
Dipende dal progetto. A volte gli accordi vengono prima di me, ma a volte arriva prima un riff di chitarra per il ritmo. Di solito ho in mente una certa atmosfera e un’immagine mentale prima di iniziare. Cerco di essere flessibile e non troppo attaccato all’idea originale durante il processo creativo. A volte devi seguire il flusso e finisci in un posto che non ti aspettavi. Ma spesso finisce meglio così, se ti permetti di seguire il flusso.

C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
Da questo album: “Breathing Space”. È stato il primo pezzo registrato e dopo averlo fatto, sapevo che dovevo fare un intero disco esplorando questa atmosfera. Sono anche molto affezionato a “Indigo”, che contiene molto di me stesso, quindi molta chitarra dal sapore blues. Quella traccia è appena stata inserita nella playlist di Apple Music “Bedtime Beats”, quindi sono super entusiasta di vedere quel tipo di supporto per uno dei miei preferiti. La mia più grande esposizione di Apple Music finora.

Kanisan, Softy e Steezy Prime sono in questo album con te. Cosa hanno portato a questo disco?
Sono davvero grato per i loro contributi. Sono tutti produttori e artisti brillanti, ognuno con una “voce” distintiva – e di grande successo nel genere hip hop lofi.
Avevo fatto alcune pubblicazioni su Lofi Girl (Lofi Records) con Kanisan e sapevo di volerlo nell’album perché amo il suo stile. Sempre molto caldo e musicale. Ho contattato anche Softy e Steezy Prime, poiché pensavo che la loro atmosfera si sarebbe adattata al progetto. Mi è davvero piaciuto lavorare con tutti loro. Durante la pandemia ho avuto molte collaborazioni musicali. Lavorare sulla musica con tutti in diversi angoli del mondo non è stato un problema, poiché tutti avevamo già molta pratica nel farlo. In realtà è stata un’esperienza piuttosto fluida e tutti hanno decisamente elevato il progetto.

Tornando alla tua carriera. Puoi dirci com’è lavorare con Bryan Ferry? intervista-quist-breathing-space
Lavorare con Bryan è stato davvero stimolante fin dal primo giorno. Penso di aver imparato di più da BF che da qualsiasi altro artista con cui ho lavorato. È molto appassionato della sua musica e si impegna a fornire sempre la migliore arte possibile. Inoltre, lascia che la musica “respiri” e si sviluppi con le persone che la suonano. Vedere il suo modo di lavorare in studio mi ha influenzato enormemente.
Suonare tutte quelle canzoni brillanti e pionieristiche in giro per il mondo è stato un sogno diventato realtà per me. Tanti momenti di cui sarò sempre molto grato.
Ho trascorso tutta la mia adolescenza suonando la chitarra per avere l’opportunità di utilizzare così tante delle abilità che ho sviluppato come nerd della chitarra adolescente nel contesto del variegato catalogo musicale di Bryan. Un momento davvero straordinario della mia vita.

Qual è il prossimo capitolo per te? C’è un sogno che vorresti realizzare?
Durante la pandemia mi sono concentrato al 100% sulla creazione, principalmente nel mio studio qui a Los Angeles. Sto continuando quel percorso – e continuo a lavorare con molti artisti, compositori e produttori.
So che devo uscire e esibirmi di nuovo presto perché fa parte della mia vita dall’età di 6 anni. Mi manca, quindi anche questo farà sicuramente parte del prossimo capitolo.
Il sogno è continuare a suonare la mia chitarra e, si spera, diffondere molta gioia attraverso le mie canzoni. Voglio continuare a migliorare sempre di più nel creare e connettermi con il pubblico, e uscire ed esibirmi di più a mio nome.

C’è un artista con cui ti piacerebbe lavorare?
Ho sempre desiderato lavorare con Bob Dylan. Mi piacerebbe anche suonare solo con John Scofield, Eric Gales e Jeff Beck. Mi piacerebbe creare qualcosa di bello con il collaboratore di Brian Eno, Jon Hopkins. Adoro le sue idee.

Siamo italiani. Hai dei ricordi particolari riguardo al nostro paese?
Amo l’Italia e spero di tornare finalmente presto. Nel 2012 ho suonato la chitarra con la band di supporto di un grande artista italiano che ha registrato il tutto esaurito alla Royal Albert Hall. Faccio fatica a ricordare il nome, non credo fosse Zucchero. Era la prima volta che suonavo in quel locale e non dimenticherò mai l’energia selvaggia e meravigliosa di cinquemila italiani a Londra. Inoltre, è divertente perché immagino che alcuni di voi potrebbero conoscermi per le mie jam di chitarra su YouTube.
L’Italia è in realtà il mio secondo più grande pubblico su YouTube, dopo gli Stati Uniti. Le mie jam di chitarra su YouTube sono uno dei motivi principali per cui sono stato in grado di continuare a svilupparmi come artista e continuare a creare – e sono molto, molto grato di essere riuscito a entrare in contatto con così tante persone che la pensano allo stesso modo in Italia.

Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Grazie mille per aver ascoltato e apprezzato la musica e i video. Spero di essere presto in Italia per suonare e connettermi con tutti! Grazie.
(A.G.)

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio