Intervista a Randall Bramblett, il musicista americano si racconta a CronacaTorino

Randall Bramblett è l'ultima intervista di questo 2020. Un regalo per tutti i lettori di CronacaTorino che potranno esplorare l'universo del geniale musicista americano

Randall Bramblett è l’ultima intervista di questo 2020. Un regalo per tutti i lettori di CronacaTorino che potranno esplorare l’universo del geniale musicista americano.
Ecco cosa ci ha raccontato tra la sua carriera solista, il nuovo disco e le esperienze con Roger Glover e Chuck Leavell.
Ciao Randall, come stai?

Sto bene considerando che sono rimasto praticamente nella mia casa ad Athens da marzo.
Cosa sta succedendo adesso sul pianeta di Randall Bramblett?
Ho scritto e lavorato su diversi nuovi progetti. Abbiamo fatto un video dell’intero nuovo disco, “Pine Needle Fire”. È stato davvero fantastico e sarà la nostra sostituzione per il tour che avrebbe dovuto supportare il disco.
Cosa devono aspettarsi i fan dal tuo nuovo album?
Penso che i fan possano aspettarsi canzoni piene di sentimento e oneste. C’è quasi sempre un ritmo funky che accompagna anche i testi pesanti!
Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?
Sì, il virus ci ha bloccato. Abbiamo fatto un video dell’intero nuovo disco di cui sono orgoglioso, ma tutti i concerti dal vivo sono sospesi per i prossimi mesi. In realtà mi è piaciuto essere a casa per la prima volta da anni per tutto questo tempo. Recentemente ho ricominciato a scrivere. Penso però di essere stato troppo depresso e scioccato da tutto questo per essere produttivo all’inizio.
Nella tua carriera hai lavorato con molti musicisti con la stessa passione e successo. Qual è il tuo segreto?
Sono stato fortunato a suonare con alcuni dei miei eroi, quindi ho adorato la musica e le persone. Penso che rimanere sobri sia stato importante anche per qualcuno come me. Ho sempre cercato di fare del mio meglio per rispettare l’artista e soprattutto le canzoni.
Qual è stata la tua introduzione alla musica? Cosa ti ha convinto a iniziare a suonare?
I miei genitori mi hanno dato lezioni di piano quando avevo 4 anni perché ero interessato all’apprendimento. Ero solito sedermi davanti alla radio o al giradischi ed ero semplicemente estasiato. Più tardi è stato il divertimento di suonare di fronte alla folla e di diventare il cuore della festa essendo nella band. E poi le ragazze!
Come crei una canzone? Da dove viene l’ispirazione?
Cerco di prestare attenzione ai miei sentimenti, alle storie, alle cose che sento e leggo. Scrivo su un diario ogni giorno e porto i testi nel mio studio per vedere se riesco a suonare un po’ di musica con loro. Continuo semplicemente a suonare con un’idea, una melodia o un sentimento finché qualcosa non si unisce in una canzone.
Hai avuto la possibilità di lavorare con Roger Glover nel 2002. Che ricordi hai di quell’esperienza?
Amo lavorare con Roger. È divertente, solidale e originale. Ho soggiornato a casa sua nel Connecticut e abbiamo lavorato in un piccolo studio nelle vicinanze. Una bellissima esperienza!
Nel 2005 hai lavorato con Chuck Leavell all’album “Southscape”. Com’è stato lavorare con lui?
Conosco Chuck dalla metà degli anni ’70, abbiamo suonato nei primi tour da solista di Gregg Allman e poi nei Sea Level. È sempre stato fonte di ispirazione e lavora sodo. È come un fratello per me. Ci riuniamo ancora per i concerti quando vuole fare qualcosa da solista o fare un nuovo disco. È un pianista e un direttore musicale estremamente dotati. Amo quel ragazzo!
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Beh, ce ne sono molti: Kendrick Lamar, Jason Isbell, Bonnie Raitt, Buddy Guy, Bon Over… La lista potrebbe continuare all’infinito.
Siamo italiani. Hai ricordi speciali legati al nostro Paese?
Mia moglie ed io siamo venuti a Roma, Sorrento, Napoli e Firenze un paio di anni fa e abbiamo trascorso uno dei momenti più belli della nostra vita. Anche solo passeggiare a Roma tra le rovine o sulla costa del sud o vedere l’arte di Firenze ci ha cambiato la vita. Non vedo l’ora di tornare. In qualche modo sembra di essere a casa.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Non so quanti fan ho in Italia, ma spero che riusciremo a connetterci attraverso “l’anima” condivisa della musica. Sono cresciuto interpretando Otis Redding, The Temptations, 4 Tops e James Brown. Aggiungi l’influenza lirica di Bob Dylan e Van Morrison e avrai la mia musica. Un giorno mi piacerebbe suonare le mie canzoni per un pubblico italiano. Penso che ci connetteremmo naturalmente! (Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here