“Un aiuto per le Api” Almese, semina di piante mellifere sul territorio comunale

Il Comune di Almese ha aderito all’iniziativa di As.Pro.Miele (Associazione Regionale Produttori Apistici del Piemonte) che intende promuovere e diffondere in modo capillare la coltivazione di semi e piante mellifere

Il Comune di Almese ha aderito all’iniziativa di As.Pro.Miele (Associazione Regionale Produttori Apistici del Piemonte) che intende promuovere e diffondere in modo capillare la coltivazione di semi e piante mellifere.
Le api e gli altri insetti impollinatori sono fondamentali per l’ambiente in quanto garanzia di biodiversità. A partire dagli anni 2000, i cambiamenti climatici, la scomparsa degli habitat naturali, la presenza di parassiti – come la varroa – e l’utilizzo di pesticidi in agricoltura hanno causato una lenta, ma inesorabile moria delle api. Secondo i dati STEP (Status and Trends of European pollinators) solo in Europa il 9,2% delle specie di insetti impollinatori è a rischio di estinzione.
La presenza di fioriture continue che garantiscano un buon rapporto di nettare e polline è pertanto indispensabile per la vita e lo sviluppo delle api e degli altri impollinatori. A tal proposito, il Comune di Almese ha utilizzato dei particolari miscugli di semi di piante mellifere in modo tale da offrire una fioritura di interesse apistico.
Le aree interessate dalla semina sono:
Zona retrostante al Palazzo Comunale;
Rotonda all’incrocio tra Via delle Industrie e Via Rocciamelone;
Aiuola retrostante Casetta SMAT di Rivera, lungo il torrente Morsino.
In tali aree è stata apposta la cartellonistica informativa relativa all’iniziativa, in modo da informare e sensibilizzare la cittadinanza sul progetto e anche sul tema ambientale connesso, che deve coinvolgere tutti, senza eccezione.
“È una prima goccia in un oceano, forse – ha dichiarato il Sindaco Ombretta Bertolo – ma sicuramente a questo primo intervento seguiranno altre semine di piante da fiore adatte a api e altri insetti impollinatori, sfruttando aree verdi e aiuole pubbliche. Insieme all’Assessore all’Ambiente Marco Simioli e al Consigliere Diego Bunino, abbiamo anche l’intenzione di realizzare, dove possibile, dei viali alberati con l’utilizzo di tigli, le cui infiorescenze sono particolarmente gradite a questi insetti. L’estinzione degli impollinatori è un allarme gravissimo dell’inquinamento e dei danni che l’uomo sta compiendo sul pianeta, le cui conseguenze sarebbero disastrose per la biodiversità: sparirebbero moltissime colture che danno cibo a interi popoli di questa terra.
Perciò tutti noi, cominciando oggi stesso con fatti concreti come questo, possiamo fare qualcosa per cambiare in meglio il nostro futuro. Anche i singoli cittadini possono acquistare questi semi da As.Pro.Miele e dai negozi di sementi, da mettere nei propri terreni e giardini. Ringrazio Emma Mussino e Cristiana Ariotti, le due giovani esperte che per un anno svolgeranno il loro Servizio Civile in ambito ambientale presso il nostro Comune, per l’ideazione e realizzazione della cartellonistica, strumento primo per la comunicazione ai cittadini di questo progetto. Con loro porteremo avanti un piano coordinato di valorizzazione della Zona Naturale di Salvaguardia della Dora, di cui fa parte anche Almese col territorio che corre lungo il corso del Torrente Messa, e altri progetti sulle zone naturali che ci circondano, aree di grande pregio naturalistico e turistico quali il SIC del Musinè e la sua pineta, la Goja del Pis, l’Arboreto Didattico di Pian dei Listelli e tanti altri”.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Comune di Almese

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here