“Ciak, si libera”: a Baveno rassegna di film alla Biblioteca Civica

Ingresso libero. Posti limitati in base alle vigenti normative.

ciak-libera-baveno-rassegna-film-biblioteca-civicaBAVENO – Nell’ambito delle iniziative di “Baveno, memoria e impegno: il cinema contro le mafie”, nel mese di novembre si terrà “Ciak, si libera”, rassegna che prevede la proiezione di tre film presso la Biblioteca Civica:

Lunedì 15/11 ore 21:00 “Anime nere” di Francesco Munzi
Leo, figlio irrequieto di Luciano, una notte spara alcuni colpi di fucile sulla saracinesca di un bar protetto da un clan locale, in quel di Africo nel cuore dell’Aspromonte. Una provocazione come risposta a un’altra provocazione. Un atto intimidatorio, ma anche un gesto oltraggioso che il ragazzo immagina come prova di coraggio e affermazione d’identità nei confronti del clan rivale e nei confronti del padre, maggiore di tre fratelli, dedito alla cura degli animali e dei morti, e lontano dalla cultura delle faide.

Lunedì 22/11 ore 21:00 “Il dolce e l’amaro” di Andrea Porporati
Primi anni Ottanta. Sicilia. Saro Scordia viene preso sotto tutela da don Gaetano Butera (mafioso di spicco) dopo la morte in carcere del padre. Comincia così la sua carriera all’interno di Cosa Nostra con le prime rapine e i primi incarichi di scarsa rilevanza. Finché un giorno si presenteranno prove di fiducia molto più dure: uccidere qualcuno per ordine del padrino. “Nella vita c’è il dolce e c’è l’amaro” è quanto apprende in fretta il piccolo aspirante mafioso Saro.

Lunedì 29/11 ore 21:00 “La nostra terra” di Giulio Manfredonia
Nel sud pugliese, il proprietario di un podere e di diversi ettari di terra, Nicola Sansone, viene arrestato e le sue proprietà prima confiscate e poi assegnate a una cooperativa locale incapace di gestirle per negligenza e impreparazione. Dal Nord ad aiutarli viene mandato Filippo, stratega dell’associazionismo da antimafia, uomo da scrivania, esperto di leggi e regolamenti, ma inesperto quando si tratta di sporcarsi le mani con la realtà. A Sud Filippo trova il Sud con tutte le sue contraddizioni, affascinazioni, collusioni, non detti, speranze, creatività…

Ingresso libero.
Posti limitati in base alle vigenti normative.
Prenotazione e green pass obbligatori: Ufficio Turismo 0323 924632 – WhatsApp 345 7936361 – info@bavenoturismo.it

Organizzazione a cura dell’Assessorato alla Cultura della Città di Baveno in collaborazione con Baveno 360 – Consulta Giovanile e Libera VCO e con il patrocinio di Avviso Pubblico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here