“I volti del ‘900 nei ritratti di Carlo Levi”: l’appuntamento del 13 gennaio 2022

Il Prof. Revelli approfondirà la situazione sociale italiana degli anni ’60

volti-900-ritratti-carlo-levi-appuntamento-13-gennaio-2022TORINO – Nell’ambito della mostra “I volti del ‘900 nei ritratti di Carlo Levi” incontro con Marco Revelli e Pino Mantovani il giorno 13 gennaio alle ore 17.30.

Il Prof. Revelli approfondirà la situazione sociale italiana degli anni ’60, periodo in cui si inseriscono le celebrazioni per il centenario dall’Unità d’Italia, manifestazione all’interno della quale è stato realizzato il telero di Carlo Levi, che si chiama proprio Lucania ’61, che verrà approfondito dal Prof. Pino Mantovani.
Per accedere all’evento, sarà necessario essere in possesso del super green pass fino ad esaurimento posti.
L’evento sarà trasmesso anche sulla pagina facebook della fondazione.

Carlo Levi, intellettuale torinese, pittore e scrittore, è tra i più autorevoli meridionalisti del ‘900 italiano.

Il telero Lucania ’61, realizzato su richiesta di Mario Soldati in occasione delle manifestazioni celebrative del centenario dell’Unità d’Italia, è un vero e proprio viaggio nella “Questione Meridionale”, a circa quindici anni di distanza dal fondamentale  “Cristo si è fermato ad Eboli”, che inaugura una serie di saggi narrativi e inchieste relativi alla Calabria, alla Sicilia, alla Sardegna.

A 120 anni dalla nascita di Levi e a 60 anni dall’esecuzione del telero, la Fondazione  Giorgio Amendola e Associazione Carlo Levi – che dal 2006 possiede ed espone nella sede torinese di Via Tollegno 52, su concessione della Sovrintendenza di Matera, una riproduzione fotografica del telero in formato reale – prende spunto da questo privilegio

per mettere in evidenza la originale e complessa personalità dell’uomo e dell’intellettuale, che pone la paura della libertà (e dell’arte) all’origine della crisi individuale e collettiva nei decenni Trenta e Quaranta e nel dopoguerra il dovere di fondare un mondo nuovo sul coraggio della libertà,

per avviare una riflessione su questo “torinese del sud”, “intellettuale contadino”, pittore, scrittore, politico, oltre che sulla storia e lo stato attuale del rapporto tra il Nord e il Sud dell’Italia, anche rispetto al complesso fenomeno dell’emigrazione.

Nell’anno leviano, la Fondazione Giorgio Amendola in concerto con l’Associazione Lucana Carlo Levi propone:

una esposizione scelta di ritratti, circa quaranta, a corona del telero – inaugurazione 25 novembre 2021 alle ore 18;

un ampio e documentato catalogo a cura di Pino Mantovani e Cesare Pianciola con un testo poco noto di Norberto Bobbio e con scritti di Filippo Benfante, di Stefano Levi Della Torre e di Luca Motto;

un ciclo di incontri organizzati in collaborazione con il Centro studi Piero Gobetti, nel corso della mostra da dicembre 2021 a tutto febbraio 2022.

Temi degli incontri:

–   13 gennaio 2022 ore 17.30, Il Telero e la situazione italiana intorno al 1961

–  24  febbraio 2022 ore 17.30, La formazione etico-politica di Carlo Levi nella Torino di Gobetti e  Gramsci, sviluppi tra gli anni Venti e Trenta, incontri e rilanci nel dopoguerra. Con Cesare Pianciola e Giovanni De Luna

–    febbraio-marzo (data da definire), Dibattito sul film “Lucus a lucendo, A proposito di Carlo Levi” di Enrico Masi e Alessandra Lancelotti (Italia/2019, 78’)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here