“Una Squadra”, la docuserie diretta da Domenico Procacci, in anteprima mondiale Fuori Concorso al 39TFF con uno speciale di 74 minuti

Un grande successo

squadra-docuserie-diretta-domenico-procacci-anteprima-mondiale-fuori-concorso-39tff-speciale-74-minuti
The Team

TORINO – Il 39° Torino Film Festival è lieto di presentare in anteprima mondiale uno speciale della docuserie Una Squadraesordio alla regia di Domenico Procacci, che si va ad aggiungere ai titoli della sezione Fuori Concorso.

 

Una Squadra racconta la storia della nazionale italiana di tennis che ha vinto la Coppa Davis nel ’76 e che negli anni successivi ha raggiunto la finale altre tre volte. Adriano Panatta, Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci, Tonino Zugarelli e, capitano non giocatore, Nicola Pietrangeli: un gruppo composto da personalità fortissime con caratteri contrastanti e che è stato in quegli anni la squadra più forte del mondo.

Domenica 28 novembre in occasione della anteprima al Torino Film Festival ci sarà la clamorosa reunion della squadra.

Al termine della proiezione ufficiale prevista alle ore 17:00 all’UCI Cinemas Torino Lingotto, Neri Marcorè condurrà un incontro con Adriano Panatta, Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci, Tonino Zugarelli e Nicola Pietrangeli.

Il direttore artistico del Torino Film Festival Stefano Francia di Celle dichiara: “Il cinema che riscrive la storia: cinque punti di vista per raccontare eventi che hanno infiammato l’ItaliaEmozioni, sorprese, entusiasmi e acrimonie si intrecciano sapientemente a preziosi materiali d’archivio per dare vita sullo schermo a una verità viva e cangiante. Il TFF fa il tifo per l’opera prima da regista di un protagonista del cinema italiano”.

 

“È stata una pagina importante della nostra storia e in questi giorni a Torino il tennis torna protagonista con le ATP Finals e la Coppa Davis – sottolineano Enzo Ghigo e Domenico De Gaetano, rispettivamente presidente e direttore del Museo Nazionale del Cinema di Torino. Passato e presente si incontrano idealmente sullo schermo cinematografico e in campo, dando agli spettatori quelle emozioni che solo i grandi eventi sanno dare”.

 

SINOSSI

Gli anni di cui parliamo vanno dal 1976 al 1980. Lo sport è il tennis. Siamo in Italia e il trofeo per cui si combatte è la Coppa Davis. La squadra è formata da quattro giocatori: Adriano Panatta, Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci, Tonino Zugarelli. In quei cinque anni raggiungono la finale quattro volte, vincendo solo una volta: nel ‘76 contro il Cile.  Intorno a quella finale si crea un vero e proprio caso politico, con enormi polemiche sull’opportunità di andare a giocare con i colori dell’Italia nel Cile del dittatore Pinochet. Le finali raggiunte ma poi perse sono nel ‘77 contro l’Australia, nel ‘79 contro gli USA e nel ‘80 contro la Cecoslovacchia. Nelle prime due edizioni, ‘76 e ‘77, la squadra ha come capitano non giocatore una leggenda del tennis italiano, Nicola Pietrangeli, ritiratosi dall’attività agonistica solo da pochi anni. Pietrangeli, da giocatore a sua volta finalista nel 1960 e 1961, verrà esonerato dalla sua stessa squadra dopo la sconfitta del ‘77 in Australia. È lui il quinto protagonista della nostra storia. Raccontiamo una squadra. Ma una squadra divisa, frammentata, con al suo interno rapporti difficili, a volte conflittuali, sia tra i giocatori che con chi li guida e allena. Una squadra, una nazionale, che nel momento in cui ha la vittoria a portata di mano viene osteggiata e combattuta nel suo stesso Paese. E nonostante tutto questo, in quegli anni la squadra più forte del mondo.

DOMENICO PROCACCI

Domenico Procacci fonda la Fandango nel 1989, da allora ha prodotto più di 100 film e diverse serie tv. Fandango è anche una casa editrice (Fandango Libri), un’etichetta discografica (Radiofandango), una società di distribuzione e una International Sales Company.

Una squadra è la sua prima, e certamente unica, opera da regista.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here