“Ladri di biciclette” all’OFF TOPIC di Torino il 25 febbraio

Appuntamento in via Pallavicino 35 alle ore 19 con un capolavoro

ladri-biciclette-off-topic-torino-25-febbraioTORINO – La rassegna “Sguardi alterati” prosegue venerdì 25 febbraio, sempre alle 19.00 a OFF TOPIC (via Pallavicino 35, Torino), con il recupero della proiezione in programma a dicembre di “Ladri di biciclette”, capolavoro del neorealismo opera di Vittorio De Sica del 1948 che sposta il nostro sguardo sulla realtà sociale della Roma del dopoguerra.

Il film sarà preceduto da un’introduzione a cura di Roberta Stefanini, curatrice di RKH Cinema e editor-in-chief di DÉJÀVU, magazine indipendente di cultura cinematografica di RKH Cinema nato nel 2020 dalla volontà di un gruppo di giovani ragazzi di condividere, con cura e professionalità, la loro immensa passione per la Settima Arte. Attualmente al terzo numero uscito in forma cartacea.

Osservare il mondo che ci circonda con uno sguardo differente. Assumere punti di vista “altri”, “alterati” appunto, per meglio comprendere la realtà. Questo fa, spesso, il cinema, in particolare il cinema del reale. Questo fa Altera APS con le sue iniziative. Da qui nasce la rassegna cinematografica “Sguardi Alterati”. Abbiamo scelto, quindi, tre film che ci accompagneranno, fino a gennaio 2022, alla scoperta di una realtà complessa e stratificata. Sguardi alterati, capaci di fissare l’obiettivo su temi altri, per offrire immagini vere, spesso nascoste alla vista o distanti nella storia.

Venerdì 25 febbraio alle 19.00

“Ladri di biciclette” di Vittorio De Sica. Drammatico, Italia 1948, durata 92 minuti.

Premi: 1950 – Premio Oscar – Miglior film straniero (Onorario). Candidatura alla migliore sceneggiatura non originale per Cesare Zavattini

1950 – Golden Globe – Miglior film straniero (Italia)

1949 – National Board of Review Award – Miglior film (Italia). Migliore regia a Vittorio De Sica

1950 – Premio BAFTA – Miglior film (Italia)

1949 – Nastro d’argento (6) – Miglior film. Migliore regia a Vittorio De Sica. Miglior soggetto a Cesare Zavattini. Migliore sceneggiatura a Cesare Zavattini, Vittorio De Sica, Suso Cecchi D’Amico, Oreste Biancoli, Adolfo Franci e Gerardo Guerrieri. Migliore fotografia a Carlo Montuori. Miglior colonna sonora a Alessandro Cicognini

1949 – New York Film Critics Circle Award – Miglior film in lingua straniera (Italia)

Derubato della bicicletta, indispensabile per il lavoro appena trovato, disoccupato va col figlioletto alla ricerca del ladro attraverso la Roma del dopoguerra, incontrando solidarietà, indifferenza, aperta ostilità. Tratto dal romanzo (1946) omonimo di Luigi Bartolini, la cui sceneggiatura risulta firmata anche da O. Biancoli, S. Cecchi D’Amico, A. Franci, G. Gherardi, G. Guerrieri, è – con Umberto D (1952) – il risultato più alto del sodalizio De Sica-Zavattini e uno dei capolavori del neorealismo, quello che con Roma, città aperta (1945) fu più conosciuto all’estero. L’amore per i personaggi diventa vera pietà, la poesia del quotidiano non nasconde la realtà sociale. (Il Morandini)

INFORMAZIONI UTILI

Dove: OFF TOPIC – via Pallavicino 35, Torino

Quando: venerdì 25 febbraio 2022

Orario: 19.00

Ingresso: libero con super green pass e mascherina FFP2

Mail: info@alteracultura.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here