Sofia Goggia è senza rivali e vince anche a Sankt Anton, Bassino 13esima, Marsaglia 19esima

Sofia Goggia ha lasciato andare al massimo i suoi sci e ha accumulato velocità lungo tutto il percorso, tagliando il traguardo con il tempo di 1’,24”,06/100, ben 96/100 meglio della seconda classificata, l’austriaca Tamara Tippler (Sportverein Union Mautern – Steiermark)

La pista di Sankt Anton ha battezzato la nona vittoria in Coppa del Mondo per Sofia Goggia, la sesta in Discesa; una vittoria netta, con la bergamasca delle Fiamme Gialle a recitare la parte della dominatrice della, inarrivabile per tutte dalla metà in giù di un tracciato che prevedeva grande velocità ma anche angoli molto tecnici. Sofia Goggia ha lasciato andare al massimo i suoi sci e ha accumulato velocità lungo tutto il percorso, tagliando il traguardo con il tempo di 1’,24”,06/100, ben 96/100 meglio della seconda classificata, l’austriaca Tamara Tippler (Sportverein Union Mautern – Steiermark). Terza ad 1”,04/100 la statunitense Breezy Johnson. La ceca Ester Ledecka (Dukla Liberec) ha mancato il podio per soli 6/100, mentre al quinto posto si è piazzata la ventitreenne Laura Pirovano (Fiamme Gialle), staccata di 1”,15/100 e in grande crescita di rendimento gara dopo gara. Molto bene nel complesso tutta la squadra italiana, che è riuscita a piazzare anche Elena Curtoni (Centro Sportivo Esercito) all’ottavo posto, la cuneese Marta Bassino (Centro Sportivo Esercito) al tredicesimo, Federica Brignone (Carabinieri) al quindicesimo, la cesanese Francesca Marsaglia (Centro Sportivo Esercito) al diciannovesimo e Nadia Delago (Fiamme Oro Moena) al ventitreesimo. Grazie alla seconda vittoria stagionale, dopo quella nella Discesa della Val d’Isère, Sofia Goggia allunga nella classifica di specialità, consolidando il pettorale rosso con 280 punti, contro i 220 della svizzera Corinne Suter e i 180 di Breezy Johnson. “Sono molto contenta della gara di oggi, anche perché nelle prove non avevo capito bene la pista. – ha dichiarato Sofia Goggia dopo la premiazione – L’ho studiata e provata con i tecnici e sapevo che i distacchi sarebbero stati risicatissimi; invece sono riuscita a vincere con quasi un secondo e sono davvero molto contenta. Dove c’è da tirare le curve a più di 100 km/h riesco a tenere giù il piede e a fidarmi dei miei appoggi. Nel 2013 vinsi qui in Discesa in Coppa Europa, quest’anno torno a vincere ma in Coppa del Mondo. Oggi ho vinto con il sole, allora vinsi con visibilità bruttissima e neve molto ghiacciata. Penso che il ‘pelo’ da discesista ci sia sempre stato. Oggi quando ho visto il mio tempo sul tabellone ho immediatamente pensato che sarebbe stato difficile battermi. A parte un paio di curve subito dopo la partenza, sono stata molto solida fino al traguardo. Stavolta il pettorale di leader è tutto mio ma la strada è ancora lunga, siamo solo all’inizio del cammino. A Val d’Isère non avevo trovato la musica adatta per il Super-G, adesso voglio godermi ancora un po’ questa vittoria, e poi mi concentrerò per il Super-G di domani”. Marta Bassino ha invece commentato: “Ho commesso qualche sbavatura qua e là, però sono abbastanza soddisfatta. Adesso mi concentro sul Super-G. Non conosco ancora la tracciatura, però abbiamo avuto tre giorni per imparare bene le asperità della pista e ci lanceremo senza paura”. Il Super-G di domenica 10 gennaio a Sankt Anton partirà alle 11,30 e sarà trasmesso in diretta su RaiSport e su Eurosport.
La classifica della Discesa della Coppa del Mondo femminile disputata a Sankt Anton
https://www.fis-ski.com/DB/general/results.html?sectorcode=AL&raceid=104386
Nelle immagini dell’agenzia Pentaphoto in allegato: alcune delle protagoniste della Discesa della Coppa del Mondo femminile disputata a Sankt Anton
Notizie: Ufficio Stampa FISI AOC

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here