Pallavolo Acqui Terme B1: Vittoria in quattro set contro Novate Milanese

Dopo la caduta a Settimo Milanese le ragazze tornano a brillare

pallavolo-acqui-terme-b1-vittoria-quattro-set-contro-novate-milaneseACQUI TERME – Dopo la caduta a Settimo Milanese le ragazze dell’Arredo Frigo Valnegri tornano a brillare davanti al proprio pubblico, che anche questa volta ha animato gli spalti di Mombarone, vincendo la terza di campionato contro Novate Milanese in quattro set.

Nemmeno la sfortuna ha scalfito le termali: oltre alla già infortunata Adani, che starà fuori per un po’ a causa di alcuni problemi fisici, questa settimana pure Ruggiero ha dovuto dare forfait per un problema addominale, mentre Cattozzo, nonostante il riacutizzarsi del dolore al ginocchio che le aveva già dato problemi in passato, ha stretto i denti ed è scesa in campo.

La gara è partita con le acquesi subito avanti e le avversarie a ridosso che trovano la parità ai sei e passano sopra. Il vantaggio delle milanesi, però, dura solo pochi scambi. Sul 9/11 un giro positivo di Lombardi in battuta rimette il gioco nelle mani della formazione di Acqui Terme che, con i colpi di Lalli, Poggi e Palumbo si porta a quota 17. Un gap che le lombarde non riescono più, nemmeno parzialmente a colmare ed un altro bel break finale, stavolta con Palumbo al servizio, che sigla anche un ace, porta la vittoria del parziale all’Arredo Frigo Valnegri con dieci lunghezze di distacco. Il secondo set parte con un botta e risposta con sorpassi e rimonte da ambo le parti, ma sul 10/11 in favore di Novate si replica quanto visto nel primo set: serie positiva di Lombardi, che mette dentro due ace, quattro colpi di Lalli e tre di Palumbo e il punteggio in favore delle acquesi sale a 17. Le ospiti riducono di due, ma le acquesi si rimettono subito all’avanzata, salendo a 22. Nonostante un finale agguerrito in cui Novate cerca in tutti i modi di rimettersi in carreggiata, un errore ed un colpo di Lombardi siglano la chiusura: stesso punteggio del primo set. Brutto inizio, invece, nella terza frazione per Mirabelli e compagne che vanno subito sotto 1/6, ma la reazione si vede all’istante: due colpi del capitano riducono immediatamente il gap, poi sul 5/8 un ace di Palumbo, un altro colpo di capitan Mirabelli ed un punto di Lalli portano il distacco ad una sola lunghezza, tuttavia, dopo altri due tentativi andati a vuoto, il pareggio non arriva e Novate riesce nuovamente a consolidare le distanze. Le termali provano in tutti i modi a rimanere agganciate ma le milanesi, alla fine, riescono a tenersi avanti e chiudono a +5. Anche la quarta frazione non parte nel migliore dei modi per le acquesi che, inizialmente, riescono a tenersi solo grazie ad una discontinuità delle avversarie che alternano bei colpi ad alcuni errori. I primi segnali di ripresa, però, si vedono ben presto: dopo l’8/13 poggi e Mirabelli portano il distacco ad una sola lunghezza. Poi, sul 12/14 Lalli al servizio e Colombini ribaltano definitivamente la situazione portando il punteggio a 17/14. Il finale è agguerrito: le milanesi sfiorano il pareggio sul 20/19, trovandolo ai 22. Ma un colpo fuori ed un errore portano Acqui Terme a 24 e Colombini, col primo colpo utile, mette fine ai giochi.

Grande soddisfazione per coach Ivano Marenco: “Siamo state brave, abbiamo vinto anche contro la sfortuna: nonostante lo stop di Adani per appendicite, lo stop di Ruggiero per uno strappo addominale e Cattozzo che ha giocato dolorante, abbiamo gestito davvero bene questa partita. Ne veniamo da una settimana davvero difficile. Ho chiesto alle giocatrici tanto, soprattutto sul lato mentale e loro hanno dato il massimo. Sono davvero contento”.

Arredo Frigo Valnegri Acqui Terme: Lombardi 14, Poggi 11, Lalli 17, Palumbo 9, Mirbelli 17, Cattozzo 1, Zenullari (L), Colombini 3. N.e: Ruggiero, Moretti, Raimondo. All. Marenco

Coop Novate: Mandotti 6, Guerriero 1, Stefani 2, Rigon 15, Banfi 13, Bibolotti 8, Gallo A (L), Fantini (L), Curti, Maletti 9. N.e: Pegoraro, Gallo S. All. Cannone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here