Mondiali di Cortina 2021, Marta Bassino chiude tredicesima in Gigante

La medaglia d’oro nel Parallelo non gliela toglie nessuno ma Marta Bassino (Centro Sportivo Esercito) ha chiuso in sordina i Campionato Mondiali di Cortina con un tredicesimo posto che non rispecchia certamente la splendida stagione dell’alpina cuneese

La medaglia d’oro nel Parallelo non gliela toglie nessuno ma Marta Bassino (Centro Sportivo Esercito) ha chiuso in sordina i Campionato Mondiali di Cortina con un tredicesimo posto che non rispecchia certamente la splendida stagione dell’alpina cuneese. Secondo oro e terza medaglia complessiva in questa edizione della rassegna iridata per Lara Gut-Behrami, ticinese tesserata per lo Sporting Gottardo che a Cortina si è rifatta con gli interessi per le delusioni patite in altre edizioni dei Mondiali, prima fra tutte quella di Sankt Moritz del 2017. Lara ha chiuso le due manche con il tempo totale di 2’,30”,66/100 e ha preceduto per soli 2/100 la campionissima statunitense Mikaela Shiffrin (Ski and Snowboard Club Vail). Medaglia di bronzo all’attesa austriaca Katharina Liensberger, staccata di soli 9/100. Marta Bassino ha chiuso a 2”,28/100 da una Gut che nei mesi scorsi staccava senza problemi, mentre Laura Pirovano (Fiamme Gialle) ha chiuso in ventiseiesima posizione e non hanno concluso la gara Federica Brignone (Carabinieri) ed Elena Curtoni (Centro Sportivo Esercito). Una gara che va storta in una grande stagione ci sta: accadde a Giorgio Rocca nelle Olimpiadi di Torino 2006 e stavolta è capitato a Marta, che ha analizzato serenamente il risultato: “Una gara che non è mai girata. Nella prima manche ho fatto fatica nella parte centrale dove scivolava sotto i piedi, è come se mi avesse tolto fiducia. Ho capito subito che avrei avuto del ritardo da recuperare. Nella seconda ho provato a cambiare marcia ma non ci sono riuscita. La prendo come una parentesi: non cancella quanto ho fatto sinora. Sappiamo come va un Mondiale, mi dispiace ma è inutile piangersi addosso. Voltiamo pagina, è stata una bellissima esperienza. So che a Borgo San Dalmazzo dove vivo sono pronti ad accogliermi e hanno appeso striscioni lungo le vie del paese. Chiudo il Mondiale felice con una medaglia d’oro che mi rimarrà nel cuore, adesso mi riposerò qualche giorno, la stagione ha ancora un mesetto intenso da vivere”. Venerdì 19 febbraio tocca agli uomini, sempre in Gigante e con la prima manche alle 10 e la seconda alle 13,30. In gara ci sarà anche il carabiniere bardonecchiese Giovanni Borsotti. Nello Slalom femminile, in programma sabato 20 febbraio, al posto dell’infortunata Lara Della Mea è attesa un’altra piemontese, Anita Gulli (Centro Sportivo Esercito), richiamata all’ultimo ma comunque già abituata al palcoscenico della Coppa del Mondo.
La classifica del Gigante femminile dei Campionati Mondiali di Cortina
https://www.fis-ski.com/DB/general/results.html?sectorcode=AL&raceid=104444
Nelle immagini dell’agenzia Pentaphoto in allegato: le protagoniste del Gigante femminile dei Campionati Mondiali di Cortina
Notizie: Ufficio Stampa FISI AOC

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here