Intervista Massimo Cordiano, il prospect comasco racconta i mondiali di hockey

Il difensore Massimo Cordiano è uno dei giovani protagonisti del mondiale U18. Cresciuto hockeisticamente tra Lombardia, Piemonte e Svizzera ci ha raccontato qualche “segreto” del successo della giovane Italia.

– Ciao Max, come stai innanzitutto?

Bene bene, un po’ di stanchezza dato che giocando alle 20,30 si finisce per andare a letto dopo mezzanotte, ma oggi abbiamo il giorno libero e ci riposiamo…

– Questa Under18 sta sorprendendo sempre di più: qual è il vostro segreto?

Non abbiamo segreti, e sembrerà strano ma siamo la squadra con meno preparazione di tutte. Semplicemente abbiamo affrontato queste partite con la giusta determinazione e voglia di vincere seguendo  le indicazioni del coach Chizzali. Poi penso che tutti notato le splendide prestazioni del nostro goalie Morandell che per ora è primo nella classifica dei portieri

 

– Ti abbiamo visto come ultimo uomo a fermare gli attaccanti avversari, ma non è mancato anche qualche tiro…. Prima della fine ci regalerai un gol?

L’obbiettivo deve essere per tutti lo stesso ovvero il successo della squadra e non del singolo e comunque non è la mia specialità ma se avrò qualche occasione cercherò di sfruttarla.

– La domanda più ovvia: e adesso che succederà?

L’obiettivo è andare a medaglia. Stiamo andando nella direzione giusta, ma bisogna rimanere con i piedi per terra e giocare con la stessa concentrazione delle prime due gare.

Alessandro Gazzera