C Silver, Arona passa al PalaCascinaCapello e infligge la prima sconfitta stagionale alla Planet Smart City

Dopo cinque vittorie nelle prime cinque partite, si interrompe l'incredibile striscia della Planet Smart City BEA alla prima stagione in C Silver

Dopo cinque vittorie nelle prime cinque partite, si interrompe l’incredibile striscia della Planet Smart City BEA alla prima stagione in C Silver. Nella sfida ad alta quota con Arona Basket, diretta inseguitrice dei chieresi con una sola sconfitta all’attivo fin qui, a prevalere sono i lacustri dopo una partita forse non spettacolare ma combattuta e dall’alto tasso agonistico. Una vera e propria “battaglia” sportiva, dove Arona è stata più costante nell’arco di 40′ minuti e brava a reagire nei momenti di difficoltà.
Le prime battute sono di studio, con entrambe le squadre che faticano a trovare ritmo in attacco affidandosi forse troppo al tiro dalla lunga. A sbloccare l’impasse ci pensa Ravazzani con un libero, a cui subito risponde Mosca con l’appoggio in transizione. Arona prova da subito ad alzare il ritmo e mettere grande fisicità in difesa per contrastare i centimetri e la forza di Drame, ma BEA è lucida e con i canestri di Gile, Mosca e Scalzo prova il primo allungo (17-8 a 3′ dalla fine del primo quarto). Gli sopiti però sono vivi, e con due triple di Romerio ricuciono subito le distanze: 18-15 al 10′.
Nella seconda frazione sale vistosamente l’intensità difensiva ospite, che blocca l’attacco di casa: tante palle perse, poca precisione e lucidità, lasciano fermo a quota 22 il punteggio locale per quasi sette minuti. Sull’altro lato la difesa chierese regge comunque bene l’urto, ma la precisione dalla lunetta di Romerio e Pettinaroli permette ad Arona di andare alla pausa lunga sul +5.
Dall’intervallo escono di nuovo meglio i bianco-verdi, che provano a dare una spallata al match con la classe di Ravazzani nel pitturato, arrivando alla doppia cifra di vantaggio a metà frazione. Dopo il time out di coach Vassalli è Capitan Gile a suonare la carica con due triple di pura classe. Drame lo segue con il gioco da tre punti e con due liberi di Scalzo e Mosca i Leopardi prima agguantano il pareggio a quota 42, quindi superano con il canestro dalla media di Stiffi (44-43).
L’ultima decina si apre con la bomba di D’Arrigo e la rubata convertita in canestro da Barbero che da il +4 alla Planet Smart City. Arona però non si scompone, e con un contro-break di 11-0 torna sopra. Ancora una volta è Gile a provare a tenere a galla i suoi con un canestro dalla media di pregevole fattura, ma Arona è brava a continuare a mettere una grande energia in difesa, non lasciando nulla di facile in attacco ai chieresi. I liberi di Drame che portano BEA sul -4 a 2.30′ dalla fine sono l’ultimo sussulto, Arona gestisce il vantaggio negli ultimi minuti e chiude i conti con il bel canestro da centro area di Ravasi a meno di 2′ che da il +7. 57-64 il finale.
Il girone di andata della Planet Smart City BEA si chiude quindi con la prima sconfitta stagionale, che sicuramente però non va ad intaccare l’incredibile cavalcata vissuta fin qui dai ragazzi di coach Vassalli. Al giro di boa di questa strana annata sportiva, i Leopardi, neopromossi, sono infatti primi in classifica (in coabitazione proprio con Arona) e possono davvero guardare al girone di ritorno con ambizione. Girone di ritorno che comincerà domenica prossimo, quando capitan Gile e compagni andranno a far visita al fanalino di coda Reba Basket. Palla a due alle 18.30 al PalaMoncrivello di Torino.
Planet Smart City BEA CHIERI SSDRL – ARONA BASKET 57-64
Parziali: 18-15, 24-29, 44-45.
BEA CHIERI: Benedicenti ne, Fassio 1, Barbero 2, Scalzo 4, Stiffi 4, Gile 13, Mosca 11, Drame 12, Tagliano, Rivoira, D’Arrigo 10. All. Vassalli, Ass. Felletti, Turetta, Acc. Monteleone.
ARONA: Giacomelli 7, Realini 1, Capra ne, Pettinaroli 6, Fedorenko 1, Romerio 12, Pollastro 2, Ravasi 2, Benessahraoui 10, Ravazzani 15, Corazzon 5, Cristina 3. All. Scaglia.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa BEA Chieri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here