Intervista a Marc Danzeisen, il batterista americano si racconta a CronacaTorino

Vivian Campbell, i Def Leppard e una carriera incredibile

marc-danzeisen-batterista-americano-cronacatorinoBatterista, cantante e produttore. Sono tanti i talenti di un artista poliedrico come Marc Danzeisen. A CronacaTorino ha raccontato una carriera tra l’amicizia con Vivian Campbell, il lavoro con Gilby Clarke e un futuro fatto ancora di tanta musica. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Marc, come stai? Raccontaci le ultime novità del pianeta Marc Danzeisen
Beh… Sto bene! Scrivo musica per TV e film quando non suono la batteria o non pubblico la mia musica. Gli ultimi tre anni sono stati molto difficili con il virus e tutto ha subito un brusco rallentamento. Possedendo il mio studio da circa 25 anni, cerco di essere impegnato con una varietà di progetti: Voice over, produzione, missaggio, composizione ecc.

Prima di parlare della tua carriera. Qual è stata la tua introduzione alla musica?
Mio padre è stato la mia più grande influenza. Era un suonatore di corno (tromba, corno francese, trombone) nell’era delle Big Band swing e jazz degli anni ’40 e ’50. Mi ha insegnato la teoria della musica quando avevo forse 9 anni e ho poi preso lezioni di pianoforte e tromba da lui. Ho iniziato a suonare la batteria più o meno nello stesso periodo. La mia prima introduzione alla musica è stata naturalmente con jazz e swing.

Cosa ti ha convinto a iniziare a cantare?
Mia madre era una cantante jazz, quindi credo di aver ereditato la voce e il tono da lei. (ride)
Ero molto timido nel cantare davanti alla gente quando ero un bambino. Ho provato il coro alle elementari, ma non riuscivo proprio e solo da adolescente ho voluto riprovare.
Cantare era davvero un punto di forza per avere nuovi ingaggi con la mia batteria. Il mio amico Bob James (ex cantante dei Montrose negli anni ’70 dopo che Sammy Hagar lasciò la band) mi disse: “Devi cantare di più. Amo la tua voce”.
È stato fantastico detto da uno dei miei idoli musicali e quindi ho continuato con più sicurezza.

Quali sono state le tue prime influenze?
Caspita, sono davvero tante e vanno divise in categorie.
Musicalmente? Beatles, Wings, The Who, The Babys, Led Zeppelin, Cheap Trick, Sound Garden, The Posies, Jellyfish, Deep Purple, Stevie Wonder, Sam Cooke, Marvin Gaye, Prince e molti artisti jazz.
Batteristi? Ringo, John Bonham, Keith Moon, Gene Krupa, Louis Bellson, Andy Newmark, Stewart Copeland e Ian Paice.
Cantanti? Robin Zander, Bob James, Chris Cornell, Brad Delp, Steve Walsh, Paul McCartney, John Lennon, Ann Wilson e Stevie Wonder.

Marc Danzeisen e Vivian Campbell. Come è iniziata la vostra amicizia? Nelle vostre registrazioni si sente subito la vostra chimica
Ho incontrato Viv negli anni ’80 quando è entrato per la prima volta nei DIO. Ci presentò la sua ex ragazza durante un pranzo. Dopo parecchi anni seppi che c’era questa band, i Riverdogs, che stavano cercando un batterista dopo aver finito l’album di debutto.
Ho ricevuto il numero di telefono di Viv da un amico ed è stato felice di sentirmi. Abbiamo suonato insieme una sera ed è andata benissimo. Vivian era un po’ deluso di non aver lavorato insieme nell’album di debutto. Penso che se fossimo rimasti in contatto probabilmente sarei entrato da subito nella band.

Hai collaborato con Def Leppard in due occasioni. Che esperienza è stata per te?
Registravo parecchio a casa di Vivian quando è entrato a far parte dei Def Leppard. Ogni volta che Viv stava lavorando a demo per i Leppard o per altri lavori mi chiedeva di lavorarci su. Ho cantato in “Sparkle Lounge” e ho suonato la batteria e messo la voce in “American Girl” per “YEAH!-Bonus tracks” che era disponibile solo nei negozi Walmart quando “YEAH!” è uscito. Ora è stato ripubblicato come cofanetto attraverso il sito dei Leppard. Probabilmente sono anche su un altro album, ma proprio non riesco a ricordare quale. Joe e Phil sono stati subito d’accordo nel mio coinvolgimento.

Hai anche lavorato con Gilby Clarke. C’è un aneddoto che vorresti raccontare?
Gilby ed io ci conosciamo dall’83, credo. Siamo sempre rimasti in contatto nel corso degli anni, ma non abbiamo mai suonato insieme nella stessa band. Quando ha ottenuto il suo contratto discografico con la Virgin, nel 1994, mi chiese di unirmi al gruppo. Voleva solo vecchi amici e non dover fare il provino a nessuno. Abbiamo suonato in circa due dozzine di spettacoli in giro per Los Angeles. Dopo eravamo prontissimi per la registrazione dell’album “Pawnshop Guitars”.
Abbiamo trascorso un mese in studio di registrazione e poi siamo andati in tour. Abbiamo suonato negli Stati Uniti, in Canada e abbiamo aperto gli Aerosmith in Sud America. Sfortunatamente Virgin non ci ha dato un budget per fare un tour in Europa. Un grosso errore. Quella era una buona band. Grandi amici, tutti molto legati e buoni.

L’ultimo album dei Riverdogs è stato assolutamente fantastico. Qualche possibilità di vedere nuova musica in futuro?
Grazie, abbiamo lavorato duramente sull’album. Eravamo una macchina per scrivere. Abbiamo provato e scritto l’intero disco in due settimane! Avevo un paio di canzoni, così come Rob e Viv. Abbiamo lavorato dalle 10:00 alle 18:00 tutti i giorni in quel periodo. Siamo entrati in un grande studio così ho potuto registrare la batteria in due giorni, poi Viv ha suonato le sue chitarre per tre giorni. Rob e Nick hanno registrato il basso e la voce allo studio Nicks a Nashville.
Per quanto riguarda il futuro: non farò parte di nessun futuro album o progetto dei Riverdogs. Era ora di andarsene dopo 30 anni di tentativi di rompere una grande band. C’erano molti “problemi” che non ho nessuna voglia di sperimentare di nuovo. Una cosa molto comune, ma ora avanti! Verso l’alto! Nessun cattivo sentimento.

Qual è il prossimo capitolo della tua carriera?
Faccio così tanto musicalmente e mi rende felice. Suono ancora e lo farò sempre. Produco, registro e mixo una buona quantità di musica indie qui nel mio studio. Amo vedere e ascoltare nuova musica e i musicisti più giovani che sono entusiasti di quello che fanno. Preferisco lo studio all’esibizione dal vivo. Per me è più appagante come artista. Continuerò a pubblicare i miei album da solista (www.marcdanzeisen.com) e occasionalmente pubblicherò musica dai POWERSLIDE.

Siamo italiani. Hai ricordi legati al nostro paese?
Io amo l’Italia. Non sono mai stato in tour con nessuna delle band in cui sono stato nel corso degli anni, ma ci sono stato negli anni ’80 con alcuni amici e l’ho adorata. Le persone, il cibo, il tempo e lo stile. La amo. Spero di tornarci presto per una lunga e meritata vacanza.

Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Grazie per essere amanti della musica! I fan italiani sono devoti amanti di tutti i generi. La passione per la musica e la melodia è profonda con gli italiani e questo lo adoro. (Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here