Lera Lynn presenta il disco Something More Than Love a CronacaTorino

L'artista americana regala una perla musicale meravigliosa

lera-lynn-disco-something-more-than-love-cronacatorinoOggi a CronacaTorino esploriamo il tema della genitorialità e del trovare un posto nel mondo attraverso il bellissimo disco “Something More Than Love” di Lera Lynn.

L’album uscirà il 15 luglio su Icons Creating Evil Art e promette di essere un manifesto ricco di dolcezza e di una profondità innata. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Lera, come stai? Cosa devono aspettarsi i fan da Something More Than Love?
Sto bene, questo è un momento emozionante con un nuovo disco in uscita!
Something more than Love è un disco cinematografico e dinamico che approfondisce ciò che penso renda la mia idea di musica. Dal punto di vista sonoro credo sia il miglior album che ho fatto. Abbiamo lavorato con produzioni mirate e intenzionali create dal mio partner Todd Lombardo e da me.
I testi esplorano tutti nuovi territori e ruotano attorno al tema centrale della profonda e antica interconnessione tra tutti noi. È attraverso il viaggio nella genitorialità e le conseguenti crisi di identità che ho iniziato a vedere un quadro più completo del mio posto nel mondo.

C’è una canzone a cui sei particolarmente legata?
Tendo a preferire le canzoni con la minore redditività commerciale. (ride) Penso che la mia preferita sia “Cog in the Machine”.

Ascoltando il tuo disco senti una grande dolcezza e la tua voce incredibile. Puoi dirci come funziona il tuo processo creativo?
Il mio processo creativo cambia continuamente. A questo punto della mia vita, non ho il lusso del tempo, quindi devo essere molto decisa su quello che voglio creare.
In questo disco c’è una storia che volevo raccontare. Ho scritto delle “scene” che sarebbero poi diventate canzoni. Io e Todd siamo poi andati in studio a scrivere la musica.

Ho adorato “Eye in the Sky”. Come è nata l’ispirazione per questa canzone?
Nasce da una idea precisa. Spesso, infatti, pensiamo di avere il controllo delle nostre vite, ma poi arriva una forza invisibile e cambia tutto.lera-lynn-disco-something-more-than-love-cronacatorino

Possiamo sperare di vedere questo album in tour?
Sì! Anche se ho visitato l’Italia un paio di volte, non mi sono mai esibita lì e muoio dalla voglia di farlo.

Qual è stata la tua introduzione alla musica? Cosa ti ha convinto a iniziare a cantare?
I miei genitori erano grandi amanti della musica ed entrambi si dilettavano con chitarra e tastiere. Mi è sempre sembrato naturale cantare e suonare come loro. Amo e ho avuto molta fiducia nel canto. Il cantare è stato ulteriormente spinto da varie opportunità di cantare assoli in chiesa e negli spettacoli a scuola.

Quali sono state alcune delle tue prime influenze?
Patsy Cline, Whitney Houston, Jeff Buckley e i Pink Floyd.

La grande intesa tra te e Todd Lombardo si sente da subito. Come descriveresti la vostra connessione musicale?
Suoniamo e scriviamo musica insieme da 10 anni… Molto prima che diventassimo partner nella vita. Abbiamo un profondo rispetto per la musicalità dell’altro. Aiuta che i suoi punti di forza siano le mie debolezze e che i miei punti di forza siano le sue debolezze.

Questo album è magico. Qual è il prossimo capitolo per te? C’è un sogno che vorresti realizzare?
Grazie! Voglio solo continuare a costruire qualcosa. Voglio permettermi la possibilità di viaggiare con la mia band e la mia famiglia in tutto il mondo. Voglio offrire esibizioni della musica che corrispondono alla visione che ho nella mia testa.

Siamo italiani. Hai ricordi speciali riguardo al nostro paese?
Mio ​​padre amava guardare i film western. Penso che la musica spaghetti western di compositori come Morricone abbia avuto un’influenza enorme su di me e sugli aspetti cinematografici che ne derivano.
Inoltre, mio ​​figlio è stato concepito a Roma, il giorno in cui abbiamo visto la Cappella Sistina. È stato un giorno magico che non dimenticherò mai!

Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Sono così ansiosa di entrare in contatto con i miei fan italiani. Solo di recente mi sono resa conto che le persone mi ascoltano in Italia. È un sogno poter visitare e suonare in uno dei miei posti preferiti sulla Terra.
(Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here