Intervista a Sandra Block, la scrittrice americana si racconta a CronacaTorino

Torna l'appuntamento con i libri e l'ospite di oggi è la scrittrice americana Sandra Block

Torna l’appuntamento con i libri e l’ospite di oggi è la scrittrice americana Sandra Block.
La creatrice dell’affascinante personaggio di Zoe Goldman, protagonista di libri come “La ragazza senza nome”, ci ha portati nel suo mondo tra il lavoro di neurologa e l’approccio allo scrivere e al creare nuove storie.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Sandra, come stai? Questo virus ha stravolto completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

È stata dura a essere onesti. Sono sicura che la maggior parte delle persone si sente in questo modo. So di essere fortunata: la mia famiglia rimane in buona salute e, come medico, non ho perso i miei mezzi di sostentamento. Ma ho trovato la mancanza di controllo piuttosto difficile.
La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
Credo di essere diventata più consapevole e riconoscente. Ho iniziato a meditare regolarmente al mattino. Sto solo cercando di dare più valore alla vita e alla natura.
Cosa sta succedendo ora sul pianeta Sandra Block?
Questo pianeta è decisamente occupato. In qualità di neurologa, svolgo diversi lavori (vedo pazienti con disturbi del sonno, supervisiono i segni neurologici durante gli interventi chirurgici e leggo gli elettroencefalogrammi). E questo è solo il mio lavoro quotidiano!
Zoe Goldman è un personaggio che ha affascinato molto i lettori. Quanto di Zoe c’è in Sandra Block?
Uhm… Dopo aver letto i libri di Zoe, molte persone mi chiedono:
1) Quanto sei alta?
2) Hai l’ADHD?
Uno: Sono 5 piedi e 2 pollici, quindi non abbastanza alta come Zoe.
Due: Non ho l’ADHD (beh, almeno non è mai stata diagnosticata!). Tuttavia, siamo entrambi ebree, di Buffalo, New York, un po’ nevrotiche e neurologhe (sebbene lei sia una psichiatra, non una neurologa). Quindi non posso negare le somiglianze.
“La ragazza senza nome” è stato il tuo primo libro tradotto in italiano. Puoi raccontarci come è nato quel libro?
Avevo già scritto il primo della serie (non tradotto in italiano, temo) intitolato “Little Black Lies”. Io e il mio agente stavamo ancora cercando di venderlo, quando ho fatto un atto di fede e ne ho scritto un altro.
La prima riga mi è venuta fuori subito: “La chiamiamo Jane, perché non sa dirci il suo nome.” Poi, avevo il mio mistero da risolvere. Chi è Jane? E cosa ci fa in ospedale?
Ai fan italiani è piaciuta molto la franchezza dei tuoi personaggi e l’estremo realismo. Come si crea un libro? Da dove viene l’ispirazione?
I libri di Zoe sono nati sicuramente da un periodo formativo della mia vita, i miei vent’anni, cioè quando ero alla scuola di medicina. Gli anni sono stati sia estenuanti che emozionanti. Ho richiamato molti di quei ricordi per creare un ambiente medico realistico. Per quanto riguarda la natura schietta di Zoe, questa è solo Zoe. Mi ha parlato molto ad alta voce durante la scrittura, e ho solo cercato di lasciarla andare senza filtrarla.
Possiamo sperare di vedere presto una nuova storia?
Sfortunatamente, non una di Zoe per ora.
Ma, sto scrivendo un thriller Young Adult chiamato “Girl Overboard” su Izzy, un’adolescente annoiata che va in crociera e fa amicizia con una “ragazza fantastica” di nome Jade. Ma una notte, Jade scompare. Ora Izzy deve scoprire cosa le è successo, o potrebbe non scendere mai viva dalla nave. Uscirà nell’estate del 2022.
Parlando delle tue storie. C’è un libro che ha un significato particolare per te?
Avrò sempre un posto speciale nel mio cuore per i libri di Zoe, dal momento che ha parlato con così tante persone, e ha portato il mio agente e il mio primo affare. Ma amo anche “What Happened That Night”, che è una storia d’amore-thriller-vendetta su una donna che è stata drogata e violentata a una festa al college, e anni dopo rintraccia i suoi aggressori e li inchioda tutti per crimini che non hanno mai commesso per metterli in prigione, il posto a cui appartengono.
Progetti per il prossimo futuro?
In questo momento, sto lavorando sodo al mio romanzo Young Adult e mi piace davvero molto. Mi piacerebbe fare di più YA se ne avessi la possibilità. Altrimenti, sto pensando di avventurarmi nella suspense romantica la prossima volta… Vedremo!
Siamo italiani. Hai ricordi legati all’Italia?
Sì! Ho fatto un viaggio con la mia famiglia al liceo. Mi sono divertita davvero molto. (Mi viene ancora l’acquolina in bocca per la pizza napoletana.) E cercherò di scovare la mia foto di me e mio fratello e della torre pendente di Pisa.
In tutte le vacanze, Firenze è stata la mia città preferita. Ricordo ancora di essere entrata nella nostra camera d’albergo e un senso di pace mi pervase. La stanza era così bianca, aperta e ariosa, sembrava che non avesse muri. Cieli azzurri, aria fresca, colori vivaci, fiori vibranti. Ho sentito una vera connessione con il luogo.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Grazie per aver letto e apprezzato Zoe. È davvero un personaggio dal mio cuore. E grazie per il coraggio e la bellezza che il vostro Paese ha mostrato all’inizio della pandemia. Hai ispirato il mondo intero in un momento terribile.
(Alessandro Gazzera)

La Redazione ringrazia la Dottoressa Sandra Block per la simpatia e per la bellissima foto di Pisa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here