Intervista a Judy Collins, la leggenda del folk si racconta a CronacaTorino

La leggenda del folk e del rock Judy Collins arriva su CronacaTorino per presentare la sua raccolta "White Bird - Anthology Of Favourites"

La leggenda del folk e del rock Judy Collins arriva su CronacaTorino per presentare la sua raccolta “White Bird – Anthology Of Favourites“. Gli anni sono 81, ma il cuore e la voglia di fare musica sono gli stessi di quella ragazza che nel 1961 pubblicava l’album di debutto “A Maid of Constant Sorrow”.
Nel mezzo una carriera con tanta musica con anche la collaborazione con Stephen Stills, l’impegno in politica che caratterizzò la sua generazione, ma anche diversi libri scritti e partecipazioni a film come “Junior” al fianco di Arnold Schwarzenegger, Danny DeVito ed Emma Thompson.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Judy, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?
Ho avuto quello che chiamerei un lockdown privilegiato, in quanto sono stata a casa a New York City, dove vivo. Ho avuto un periodo forzato senza viaggiare e lavorare, un periodo tranquillo per pensare e lavorare su nuovi canzoni, meditare, suonare il pianoforte e cenare con mio marito ogni sera. Un qualcosa di molto raro nella mia vita di tour e spettacoli. Questo periodo mi ha permesso di trascorrere del tempo in contemplazione, godendomi la compagnia di molti amici e parenti su Zoom, che è una manna dal cielo.
La pandemia ti ha ispirata in modo diverso?
Questo è ovviamente un regalo per il pianeta, che aveva bisogno di una pausa dal nostro costante assalto alla sua natura. È più fragile di quanto avessimo mai sognato e probabilmente il Covid-19 era qualcosa che era karmicamente necessario, ma sfortunato per i milioni di morti. Naturalmente, ci fa riflettere tutti su come andare avanti, in che modo ricominciamo? Adattare noi stessi a pensare in nuovi modi. Sto cercando di scrivere un altro libro sulla mia vita, ma anche sulle nostre vite in questo secolo passato. Cento anni fa, durante la pandemia del 1918, noi (noi impersonali) non sapevamo davvero cosa ci colpì. Questa volta lo sappiamo. In che modo questo ispirerà un approccio diverso alla vita
Cosa devono aspettarsi i fan da “White Bird – Anthology Of Favourites”?
Ho scelto alcune delle mie canzoni preferite degli ultimi anni dalle mie registrazioni e ho anche scelto la title track, una canzone totalmente nuova per me. Ho trovato “White Bird” e un pezzo di scrittura stimolante, ma ho scelto di trattare una canzone come nella registrazione originale. Tracciare la melodia seguendo l’autoduetto. Avevo dimenticato quanto sia divertente farlo! E ispirerà alcuni nuovi lavori in futuro.
“White Bird” è una canzone davvero fantastica. Puoi dirci di più su questo capolavoro?
David e Linda LaFlamme di una band psichedelica chiamata “Beautiful Day” hanno scritto e interpretato “White Bird” negli anni ’60. Allora mi mancava, ma sono stata entusiasta di scoprirla grazie al mio amico Brian Perera. Grazie Brian! Amo questa canzone e ho pensato che fosse perfetta per me.
Nella tua carriera hai lavorato con molti musicisti con la stessa passione e successo. Qual è il tuo segreto?
Non so se ci sia davvero un segreto in questo business della musica e di una vita professionale nel fare canzoni. Probabilmente l’ho capito dall’inizio. È iniziato nella mia infanzia. Avevo un certo talento e da quel piccolo inizio ho iniziato a fare tutte le cose che si devono fare: cantare i cori, prendere lezioni di musica, esercitarsi con il piano tutti i giorni e poi con la chitarra. E così finalmente ho iniziato a scrivere le mie canzoni e ad esibirmi. Che privilegio fare qualcosa che ami e che può persino aiutare a guadagnarti da vivere. La maggior parte delle persone con cui ho lavorato in sei decenni nel settore ha lo stesso tipo di passione.
Qual è stata la tua introduzione alla musica? Cosa ti ha convinto a iniziare a suonare?
Mio padre era un grande cantante e ha avuto una meravigliosa carriera nel settore radiofonico. Mi ha ispirato in ogni fase del percorso, ha sostenuto le mie scelte e compreso l’abbandono di Mozart per Pete Seeger.
Come è cambiato il tuo mondo musicale negli anni?
In molte cose è lo stesso. Faccio pratica, imparo nuove canzoni e ne scrivo di nuove. Di tanto in tanto, trovo un cantante meraviglioso che ammiro e ascolto molto. Vado per strada (tranne che durante la pandemia, anche se sono andata a Norfolk, in Virginia, per fare un concerto virtuale al Chrysler Auditorium che è stato mostrato a novembre a un pubblico della Norfolk Arts Association. Ho anche fatto il concerto virtuale da un municipio vuoto di New York che è stato mandato in onda e partecipato.) Faccio album e cerco di stare in salute! Non è poi così diverso nel corso degli anni, anche se il cast dei personaggi e del pubblico continua a cambiare lungo la strada.
Cosa è rimasto in te oggi della ragazza che pubblicò l’album “A Maid of Constant Sorrow” nel 1961?
Sono la stessa ragazza, con molti chilometri e alle spalle molte lacrime, molte risate, molta fortuna e alcuni colpi importanti, ma la ragazza è ancora lì, certamente non così infelice, ma disponibile per dare il meglio ad ogni nuova alba.
Progetti per il prossimo futuro?
Ora sto lavorando a un nuovo album chiamato “Beauty and Resistance”. Lo registreremo tra un mese circa. Ho un nuovo libro in lavorazione che procede lentamente, ma accelererà, ne sono sicura, non appena ricomincerò a vedere la Francia senza mascherine.
C’è un artista con cui ti piacerebbe lavorare?
Mi piacerebbe lavorare con Leonard Cohen, ma è da qualche parte su un altro pianeta, anche se mi piacerebbe approfondire il suo archivio di canzoni. Ci sono molti artisti il ​​cui lavoro mi ispira: Jimmy Webb in particolare è uno dei miei scrittori preferiti e qualcuno con cui adoro esibirmi ogni volta che ne abbiamo la possibilità. Adoro il lavoro di Shawn Colvin e Brandi Carlile, con entrambi ho lavorato di tanto in tanto e mi piacerebbe fare di più.
Siamo italiani. Hai qualche ricordo legato al nostro Paese?
Io amo l’Italia. Amo i grandi cantanti del tuo paese che hanno aperto la strada alla tradizione del Bel Canto che mi è stato insegnato dal mio maestro Max Margulies. Ovviamente ascolto e studio il canto di Caruso e Pavarotti. Ho passato del tempo in Italia nel corso degli anni, ad esempio a Firenze per alcuni giorni brillanti negli anni ’80, ma poiché leggo molti libri di Donna Leon passo il tempo remando attraverso i canali e guardando il Duomo. Ho tazze e piatti italiani speciali e piastrelle fiorite che mi ricordano il tuo bel paese. E adoro il cibo italiano.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Spero di tornare presto in Italia. Appena posso salire sull’aereo per arrivarci! Ho guidato su quelle strade veloci da Firenze a Roma, quindi so quanto velocemente puoi spostarti da un posto all’altro in Italia. E da un secolo all’altro con la tua straordinaria architettura, che sfreccia a una velocità incredibile.
Amo la tradizione che è stata mantenuta in Italia: la musica, il cibo, la storia, l’architettura, le storie. Forse quando arriverò lì imparerò quella bellissima canzone, “Caruso”, cantata dalla maggior parte degli italiani e da Josh Groban di cui ho ascoltato per la prima volta la registrazione. È una canzone brillante e so che la maggior parte degli italiani può cantarla e spero di potermi unire un giorno.
(Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here