Intervista a Jim Peterik Pride of Lions, la forza del nuovo disco “Lion Heart”

Jim Peterik, storico fondatore dei Survivor, racconta il nuovo disco "Lion Heart" nato dalla collaborazione con Toby Hitchcock nei Pride of Lions

Il leone torna a ruggire. Jim Peterik, uno degli storici fondatori dei Survivor, racconta il nuovo disco dei Pride of Lions.
Lion Heart” è la celebrazione di una carriera, ma anche l’espressione più profonda della musica di una vera leggenda del rock.
Proprio Jim ci ha portati in questo viaggio musicale tra Heart Of The Warrior, i tanti progetti musicali e l’amore verso l’Italia.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Jim, come stai? Bentornato su CronacaTorino. Cosa devono aspettarsi i fan dall’album “Lion Heart”? C’è una canzone a cui sei più legato?

Ciao amico di Torino! Le mie canzoni sono come i miei figli, quindi è difficile scegliere le mie preferite. Mi sono tutti cari o non sarebbero su questo album. C’è un pezzo della mia vita in ogni canzone.
La canzone “Heart Of The Warrior” è davvero sorprendente. Come è nata quella canzone?
Sono così contento che ti piaccia. Stavo pensando a Rocky scrivendola. Siamo tutti dei campioni. Anche se è nascosto, siamo tutti nati con il cuore di un combattente, un guerriero.
Come crei una canzone? Da dove viene l’ispirazione?
L’ispirazione è ovunque. In ogni lama dell’avidità. Nel pianto di ogni bambino. Cerco di attingere dall’esperienza reale: cuore spezzato e dolore, ma anche gioia e rinnovamento. Fa tutto parte della vita.
Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?
In realtà sono più impegnato che mai con progetti come la grande band “Chicago” (nuovo album in lavorazione – sto scrivendo ora con il grande Robert Lamm e con Dennis DeYoung per la seconda parte di 26 East). Inoltre sto provando con “Ides of March” per i prossimi spettacoli. È anche è fantastico passare più tempo con la mia famiglia, Karen Peterik (siamo sposati da 48 anni) e lavorare di più con il mio fantastico figlio musicista Colin Peterik. Sono sempre più grato per le benedizioni che ho ogni giorno. Oh, e i miei nipoti Maisy e Colby. Ispirano sempre una canzone!
Pensi che sarà possibile vedere questo disco dal vivo durante il prossimo anno?
Sì. Il Frontiers Festival è ancora una forte possibilità con spettacoli costruiti attorno a quello.
Ascoltando questo nuovo album sembri sempre un giovane musicista che vuole distruggere il mondo. Qual è il segreto della tua eterna giovinezza?
È un grande complimento. Mi metto sempre alla prova, come ho fatto per tutta la mia vita. Lo prendo molto sul serio. Per me è la vita o la morte.
Cerco sempre di superare me stesso. Scriverò mai una canzone così grande come Eye of Tiger? Chissà, ma morirò provandoci.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Ho avuto l’idea di fare un album insieme a delle rocker. Vorrei chiamarlo “It’s A Woman’s World” o qualcosa del genere. Sarebbe molto eccitante per me! Forse i miei cari amici di Frontiers potrebbero essere interessati!
Siamo italiani. Hai qualche ricordo particolare legato al nostro Paese?
Io amo, amo e ancora amo l’Italia. Ho spezzato il pane a molte delle vostre belle tavole. Soprattutto adoro le meravigliose campagne verdi ondulate. Camminando nei vostri antichi cimiteri traggo grande ispirazione. Ho scritto i semi di Run For The Roses, per l’album di Dennis Deyoung, camminando in un bellissimo cimitero di Milano. Il cibo a Roma è talmente fantastico. E le persone sono così fanatiche del rock, quindi è molto stimolante. Mia moglie Karen è per metà italiana, suo nonno è calabrese. È una cuoca straordinaria, proprio come sua nonna.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani.
Amo i miei fan e amici italiani. In realtà ogni fan è un caro amico. Grazie per amare la mia musica. Mi mantenete motivato e ispirato. Spero davvero che vi vediate e possiate abbracciare. Tanto amore. Jimbo (Alessandro Gazzera)
Foto: jimpeterik.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here