Intervista a Scott Griffin L.A. Guns, hard rock e metal direttamente da Los Angeles

Scott Griffin, chitarrista degli L.A. Guns, racconta il suo 2020 e i progetti per il futuro

Un po’ di hard rock e metal con il chitarrista degli L.A. Guns Scott Griffin. Il musicista americano racconta a CronacaTorino questo 2020 tra Coronavirus, il nuovo disco della band “Renegades“, ma anche il desiderio di fare un disco da solista.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Scott, come stai?

Sto bene, grazie.
Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?
Beh, ha sicuramente rovinato un po’ le cose da quando ci sono zero spettacoli, ma ho solo cercato di sfruttarlo al meglio, prendendolo un giorno alla volta e sperando che questo incubo finisca prima o poi.
Cosa sta succedendo sul pianeta di Scott Griffin?
Suonare molto la chitarra ovviamente, ma è normale e sto anche cercando di migliorare nel canto. Mi alleno anche 3 volte a settimana. Il mio edificio ha una palestra davvero bella. Oltre a questo, guardo molti film. Ho comprato un enorme proiettore domestico, quindi è come se fossi al cinema.
La mia ragazza fa i popcorn e ci comportiamo come se fossimo al cinema. Leggo molto poi. In questo momento sto leggendo “Feast Of All Saints” di Anne Rice. Uno dei suoi libri meno conosciuti.
Qual è stata la tua introduzione alla musica?
Per il suonare la chitarra semplicemente Eddie Van Halen. Era il migliore. Sono stato anche influenzato da Randy Rhoads, Michael Schenker e Warren DeMartini.
Cosa ti ha convinto a iniziare a suonare?
Solo il mio desiderio di farlo. Mi ricordo solo che l’altra cosa che volevo essere era un giocatore di baseball.
Come crei una canzone?
Preferisco scrivere prima i testi e poi la musica, ma di solito risulta il contrario. Mi piace scrivere prima il ritornello, ma di solito scrivo prima il verso. È tutto al contrario. (ride) L’assolo è sempre l’ultima cosa ed è come la ciliegina sulla torta.
Da dove viene l’ispirazione?
Di solito da altre canzoni. Suono un riff che mi piace, poi cambio gli accordi o il ritmo o entrambi finché non suonerà completamente diverso. Da lì poi vedrò dove mi porterà. Alcune persone dicono cose come: “Sono stato influenzato da una nuvola che passa in una giornata di sole” o qualcosa del genere. Forse non sono troppo creativo o qualcosa di simile, ma non ho davvero idea di come esprimere musicalmente una nuvola. La musica mi ispira a scrivere musica.
Com’è stata l’esperienza con Ratt?
È stata breve e dolce. Sono contento di averla fatta nel complesso, un qualcosa di buono sul mio curriculum.
E gli LA Guns?
Beh, sembra che a tutti piaccia davvero l’album “Renegades” che abbiamo appena pubblicato. Quindi speriamo che ciò si traduca in vendite e la nostra casa discografica Golden Robot ci chieda un nuovo disco.
Progetti per il prossimo futuro?
Ho sempre desiderato fare un album da solista. È solo questione di avere i soldi per farlo. Avrei almeno bisogno di un batterista e di un cantante per dare una mano. Posso suonare tutto il resto e forse canterei una canzone. Vorrei però che un cantante davvero bravo cantasse nella maggior parte dell’album. E dovrei pagare per un ingegnere, e il tempo in studio, ecc. Quindi, se mai dovesse accadere, probabilmente non avverrà per un po’, se mai succederà.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Paul McCartney, Jerry Lee Lewis o Buddy Guy (l’ultimo bluesman vivente originale) sono tre artisti “oltre il leggendario” con cui non sarei degno di suonare, ma farei del mio meglio.
Siamo italiani. Hai dei ricordi particolari legati al nostro Paese?
Ho dei bei ricordi dell’Italia. Grandi fan! Molto appassionati. Amo l’arte e dall’Italia vengono tutti i grandi: Michelangelo, Raffaello, Leonardo da Vinci.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani.
Grazie per tutto il vostro supporto. Siate forti, alla fine supereremo questo incubo. E vi rivedrò tutti quando lo faremo! (Alessandro Gazzera)
Foto: Gary England

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here