Intervista a Robin McAuley, il cantante irlandese racconta il suo disco “Standing on the Edge”

Un po' di Irlanda con la stupenda voce di Robin McAuley. Il cantante di Dublino ha presentato a CronacaTorino il suo nuovo disco solista "Standing on the Edge", ma non solo

Un po’ di Irlanda con la stupenda voce di Robin McAuley. Il cantante di Dublino ha presentato a CronacaTorino il suo nuovo disco solista “Standing on the Edge“, ma non solo. Il racconto è infatti proseguito con le preziose collaborazioni con Michael Schenker e con i Survivor.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Robin, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Sto alla grande, grazie per avermelo chiesto. Questo virus è come guardare il peggior film mai realizzato. Vorrei che potessimo cambiare il finale, ma possiamo cambiare il nostro modo di pensare, andando avanti.
Cosa devono aspettarsi i fan da “Standing on the Edge”?
Sai, sono molto contento di questo disco ed è solo il mio secondo disco da solista dal 1999. Non ero sicuro di come affrontarlo inizialmente, ma una volta che ho iniziato a collaborare con diversi scrittori ha davvero iniziato a prendere forma. Lavorare con il mio vecchio compagno di band nei “Grand Prix” Phil Lanzon è stato fantastico. Abbiamo scritto insieme “Like A Ghost” che si è rivelata fantastica.
La produzione e la scrittura dell’intero disco di Alessandro Del Vecchio è davvero qualcosa e dà anche all’intero album una sensazione di freschezza. C’è un bel mix del mio stile di scrittura qui che spero piaccia a tutti quando lo ascoltano.
C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
Tutte le canzoni del disco mi hanno colto di umore diverso quando ho iniziato a scrivere. Questo lockdown di cui tutti abbiamo fatto parte, ha risvegliato emozioni che forse erano dormienti da un po’.
“Run Away” era una di quelle canzoni che una volta ascoltata la musica che mi mandava Alessandro, mi sono subito ricordato delle cose che facevo da bambino crescendo in Irlanda e vivendo in campagna. Cercavamo di correre sotto la pioggia quando la vedevamo arrivare nei campi. Non siamo mai tornati a casa senza esserci bagnati fradici. Divertente come qualcosa del genere sia entrato nella mia mente dopo così tanti anni, ma questa Pandemia ci ha sicuramente fatto riflettere di più sulla vita e su quanto siamo stati fortunati.
Come crei solitamente una canzone?
Di solito ricevo la musica da chiunque lavori con me. Non sono un grande pianista o chitarrista, quindi mi affido agli altri per la musica. Detto questo, sono molto bravo a sapere quale stile di canzone voglio cantare e cosa si adatta al mio stile vocale.
La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
Certamente sì. Un ottimo momento per riflettere su tante cose. Credo che la famiglia sia sempre stata al centro della mia vita e ancor di più durante questo periodo strano e insolito del nostro tempo. Ci ha resi più umili in molti modi e sarò per sempre grato di avere l’amore e il sostegno di mia moglie e dei nostri due figli. Un atteggiamento molto positivo per guardare avanti.
Progetti per questo 2021?
Essere la migliore versione possibile di me.
Hai lavorato per anni con Michael Schenker. Com’è stato lavorare con lui?
È un chitarrista straordinario e ancora al top del suo gioco. Il suo senso della melodia e la passione nel suo modo di suonare è un sogno per qualsiasi cantante. Michael Schenker Fest è stata un’esperienza incredibile.
Hai anche collaborato con i Survivor. Che esperienza è stata per te?
Ho scritto il mio primo disco da solista “Business As Usual” con il chitarrista dei Survivor Frankie Sullivan, ma non volevo unirmi ai Survivor nel 1994.
Poi anni dopo, nel 2000, ho finalmente cantato con i Survivor per quasi 6 anni e ho registrato un mucchio di canzoni che non sono state pubblicate. Ho sempre amato la loro musica.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Sono sempre disponibile ad esibirmi con persone diverse, ma sono anche piuttosto nervoso. Non penso mai di essere abbastanza bravo e questo mi ha ostacolato nel corso degli anni. Non so se ho in mente un artista specifico. Forse sarò fortunato e il mio telefono squillerà con una sorpresa!
Siamo italiani. Hai ricordi speciali legati al nostro Paese?
Abbastanza divertenti, ma quando vivevo nel Regno Unito il mio migliore amico era italiano, di Brindisi. Poi, quando sono arrivato negli Stati Uniti, anche i miei amici più stretti erano italiani. Deve essere il collegamento irlandese e italiano. (sorride) L’Italia è così bella. Amo l’architettura e Dio sa se l’Italia ha un’architettura incredibile. La campagna è particolarmente bella e ricordo che quando abbiamo suonato per la prima volta a Firenze mi sono innamorato. I fan italiani sono poi incredibili!
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Il mio disco da solista “Standing On The Edge” ha tutti i musicisti italiani che suonano in questo disco. Mi piacerebbe che ci fosse l’occasione di suonare queste canzoni in Italia con questa incredibile band.
Spero che questo disco vi piaccia e spero davvero di vedervi tutti molto presto.
State al sicuro e state bene fino ad allora amici miei!
(Alessandro Gazzera)
Foto in evidenza: Mystic Photography

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here