Intervista a Reb Beach, il chitarrista presenta il nuovo disco “A View From The Inside”

Rock strumentale oggi con Reb Beach. Il chitarrista degli Winger e degli Whitesnake presenta il nuovo album solista "A View From The Inside"

Rock strumentale oggi con Reb Beach. Il chitarrista degli Winger e degli Whitesnake presenta il nuovo album solista “A View From The Inside“. Una chiacchierata sulla sua musica, ma anche sull’amore verso l’Italia a cui si sente di appartenere.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Reb Beach, come stai? Benvenuto su CronacaTorino! Prima di tutto, cosa devono aspettarsi i fan da “A View From The Inside”?

È un disco strumentale che è diventato davvero un hobby per me per un periodo di anni. Mi sono sfidato a scrivere musica strumentale che tutti potessero apprezzare, non solo i chitarristi. Voleva dire ritornelli e assoli interessanti, con un qualcosa che non andasse via dalla testa delle persone.
Trovo davvero incredibile la canzone “Infinito”. Come è nata quella canzone?
Come ogni cosa nella scrittura delle mie canzoni rock, è iniziata con il riff principale. Ho già visto persone suonarlo su youtube, il che è così bello da vedere, ma lo stanno suonando tutti in modo sbagliato. Non è solo C D E.
La cosa interessante del riff del ritornello di apertura è che ho solo un dito sulla tastiera per l’intero riff. Cinque delle corde sono sempre aperte e suonano, quindi l’effetto è enorme. Se suonassi solo C D E sarebbe un riff molto stupido (ride)
Amo la musica latina. Adoro il ritmo e sperimentare con le scale… Non lo so (ride)
C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
Little Robots è la mia preferita, perché è stata la prima canzone fusion che abbia mai scritto. È stato scritta nel 1986 su un registratore a cassette a 4 tracce. La adoro perché è edificante, divertente e stravagante, con un grande assolo alla fine.
Come crei solitamente una canzone? Da dove viene l’ispirazione?
Come con tutto ciò che scrivo, inizia con il riff, e poi lo costruisci da lì come un puzzle. Hai bisogno di una conoscenza di base dell’arrangiamento per sapere qual è il riff che hai scritto. È una strofa, ritornello, pre ritornello, bridge, sezione solista, ecc… Poi lo metti insieme. Le sezioni devono essere tutte buone per suonare la chitarra, proprio come per un cantante, deve essere bello cantarci sopra.
Sarà possibile, magari il prossimo anno, vedere questo album dal vivo?
Ovviamente questo è un mio sogno. Mi piacerebbe fare un tour con la chitarra con Joe Satriani, con i Generation Axe o uno qualsiasi di quei tour dove ci sono grandi chitarre. Sarebbe così divertente NON dover cantare e semplicemente suonare la chitarra.
Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?
Ho dato oltre duecento lezioni di chitarra online, quindi per ora sono un insegnante online. È incredibile, ho imparato a distribuire il lavoro e ho fatto nuove amicizie in tutto il mondo. Mi piace davvero, ma morirei per lasciare la mia casa e andare un anno in tour in questo momento. Sono un cane da strada e un artista, ed è al mondo che appartengo.
Progetto per il futuro? Possiamo aspettarci un nuovo album dai Whitesnake?
Non ne ho idea, credo che questa sia una domanda per David. Stiamo lavorando a un nuovo disco con gli Winger ora. Probabilmente farò un altro disco dei Black Swan e ho un disco degno di idee per Masquerade 2, questa volta però anche con la voce. Muoio dalla voglia di farlo.
Com’è il lavoro con David Coverdale?
L’intera band ama David. È come una figura paterna e una tale leggenda.
Posso dirti che è una gioia lavorare con lui e stiamo parlando di un grande cantautore. È anche follemente divertente, quindi c’è molto da ridere.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Micheal Brecker, il mio sassofonista preferito, Jean-Luc Ponty, il mio artista fusion preferito. Mi piace molto Marcus Miller. Ho fatto una sessione con lui per Kenny Loggins dal vivo in studio e mi ha insegnato a suonare il funk.
Ero troppo inesperto e suonavo troppo teso e in anticipo sul ritmo. Mi ha insegnato a stare sul ritmo e a rilassarmi. Ho sempre voluto suonare con lui ancora una volta.
Siamo italiani. Hai ricordi speciali riguardo all’Italia?
L’Italia è un luogo di amore. È uno dei posti più belli della Terra. Mio fratello parla un italiano perfetto e ci va spesso. Spero di viverci un giorno, perché è il posto a cui appartengo, credo. Voglio vivere in Toscana.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan in Italia
Il mio amore per i fan in Italia, le persone più gentili e amorevoli, con cui condivido l’amore per il cibo, la bellezza e il rock and roll. (Alessandro Gazzera)
Foto: rebbeach.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here