Intervista a Magnus Karlsson, il polistrumentista svedese presenta Heart Healer, “The Metal Opera by Magnus Karlsson”

Un progetto pazzesco che ha visto coinvolte cantanti del calibro di Anette Olzon e Margarita Monet, ma che soprattutto ha visto il metal creare un lungo vortice di energia

Torniamo in Svezia per il genio di Magnus Karlsson. Il polistrumentista svedese ci presenta la sua ultima fatica: Heart Healer, “The Metal Opera by Magnus Karlsson”.
Un progetto pazzesco che ha visto coinvolte cantanti del calibro di Anette Olzon e Margarita Monet, ma che soprattutto ha visto il metal creare un lungo vortice di energia.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Magnus, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Sto bene, grazie! Sono fortunato ad avere un piccolo studio a casa mia dove posso lavorare. Non vado più in tour quindi per me non ci sono stati grandi cambiamenti. Alcune cose come fare video possono essere complicate quando viaggiare è rischioso, ma per il resto sono stato abbastanza bene.
Cosa devono aspettarsi i fan da “The Metal Opera”?
Qualcosa di drammatico ed epico con sette belle voci. Un mix tra metal e colonna sonora.
C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
Vedo questo album come una lunga canzone con parti diverse. Per trarne il meglio, devi ascoltare tutto.
Come crei solitamente una canzone?
Normalmente comincio con una melodia o un riff di chitarra. Ma questa volta ho iniziato con l’arrangiamento dell’orchestra perché volevo che fossero concentrati su questo album.
La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
Non proprio. Soprattutto mi ha fatto preoccupare per il futuro. Ma immagino che sia stato più facile far registrare ai cantanti. Normalmente la maggior parte di loro sarebbe in tour.
Progetti per questo 2021?
Abbiamo appena finito l’album solista di Anette Olzon. Sarà qualcosa di molto “heavy”. E in questo momento sto lavorando al prossimo album dei “Ferrymen” con Ronnie Romero e Mike Terrana
Per questo progetto hai lavorato con Margarita Monet. Com’è stato lavorare con lei?
Semplicemente fantastico. Come tutte le altre, non ha registrato qui in Svezia. Lo hanno fatto nei loro studi o hanno affittato uno studio vicino a loro. Ha fatto un lavoro meraviglioso e ha una voce molto speciale. Ma mi dispiace non aver potuto incontrarci di persona.
Hai lavorato anche con Anette Olzon. Cosa ha portato la sua voce alla tua Opera?
Era molto importante per il progetto che tutti avessero stili diversi. E Anette ha questa voce pop metal che suona così bene. Semplicemente perfetta!
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Sì, molti. Ad esempio, sarebbe fantastico fare una canzone per Geoff Tate.
Siamo italiani. Hai qualche ricordo particolare legato al nostro Paese?
Sono stato in Italia sia come turista che in tour. In tour c’è sempre troppo poco tempo. Vedi posti meravigliosi, ma ti fermi sempre troppo poco e devi proseguire. Mi piacerebbe tornarci come turista così posso rilassarmi e prendere il mio tempo per vedere davvero il tuo incantevole paese.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Se date un’occhiata a “Heart Healer” vi consiglio di mettere delle cuffie, chiudere gli occhi e ascoltare tutto e non solo una canzone alla volta. Rimanete metal e abbiate cura di voi! / Magnus (Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here