Intervista a Katja Rieckermann, una storia tra sax e Rod Stewart

Katja Rieckermann racconta la sua incredibile carriera, dall'esibizione con gli Scorpions agli anni insieme a Rod Stewart e l'esibizione davanti alla Regina Elisabetta

Il viaggio musicale di CronacaTorino.it riprende oggi con Katja Rieckermann. La sassofonista, nata a Luebeck in Germania, ha una carriera che parla da sola e che esprime tutta la sua bravura.
Le collaborazioni con Rod Stewart, Lady Gaga, Mary J Blige, Dave Stewart (Eurythmics), Brooks e Dunn, Wang Chung e David Foster sono solo alcuni capitoli della sua incredibile storia. Proprio lei oggi ci racconta il suo 2020, la nuova canzone e un po’ del suo viaggio fantastico nella musica.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Katja, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Sto bene, Alessandro! Grazie per avermelo chiesto! Spero che tu e tutti quelli intorno a te stiate bene e anche voi che state leggendo stiate bene! Proprio come tutti gli altri, ho passato molto tempo a casa. Non socializzo molto e questo è molto difficile. Sono grata ogni giorno di avere musica nella mia vita: mi tengo impegnata esercitandomi, scrivendo e producendo musica. Faccio sessioni di registrazione a distanza per altre persone. Dato che le palestre sono tutte chiuse per Covid ho camminato molto. Per fortuna vivo a Hollywood Hills e posso praticamente camminare su e giù per la strada. Mi sento fortunata. Dovrei iniziare a fare qualche altro esercizio come lo yoga o qualcosa del genere, ma continuo a procrastinare.
Cosa sta succedendo, adesso, sul pianeta di Katja Rieckermann?
Hmmm, bella domanda. Non molto a causa della situazione del virus. Avrei dovuto fare molte esibizioni dal vivo quest’anno, ma come tutti sappiamo, tutto è stato cancellato. Ho appena fatto il mio primo concerto dal vivo lo scorso fine settimana in Texas. Era in un piccolo teatro e consentivano solo 1/3 di capacità. È stato davvero bello esibirsi di nuovo! Mi ha fatto capire quanto mi mancava.
Spero che presto avremo un vaccino e che possiamo ricominciare a divertirci. A parte questo, ho cercato di usare il tempo con saggezza. Ho scritto di nuovo musica e ho anche fatto molte sessioni di registrazione remota per altre persone qui a casa mia. Quindi, se qualcuno che legge questo ha bisogno di un sassofono registrato, non esitate a contattarmi.
La tua canzone “Together” è davvero sbalorditiva e bellissima. Come è nata quella canzone?
Grazie! Sono contenta che ti piaccia “Together”. In realtà non avevo scritto molta musica negli ultimi due anni perché sono stata impegnata con concerti dal vivo, ecc. Quando il Covid è venuto fuori e dopo che ho dovuto restare a casa mia per circa 6 settimane a causa del blocco mi sono seduta al mio piano e mi è venuta l’idea della canzone. E poiché nessuno si incontrava con nessuno, ho mandato l’idea al chitarrista Victor Torres, che ha poi registrato la sua parte a casa sua e me l’ha rimandata.
Successivamente il batterista/percussionista Tal Bergman e il bassista Marco Renteria hanno registrato le loro parti dai propri studi. Abbiamo filmato le nostre esibizioni con il telefono e Sammy Burke ha montato il video. Il titolo della canzone è ispirato al detto “We are all in this together” riferito alla Pandemia, ecco perché abbiamo aggiunto filmati di tutti i tipi di etnie (indossando maschere) al video.
Hai avuto la possibilità di lavorare con gli Scorpions nel 1997. Quali ricordi hai di quell’esperienza?
In realtà ho suonato solo una canzone con gli Scorpions. Mio fratello Ralph Rieckermann è stato il bassista di quella band negli anni ’90 per circa 12 anni. La musica degli Scorpions di solito non ha il sassofono, come tutti potete immaginare. Avevano fatto un evento di beneficenza eseguendo brani di Elvis Presley che richiedevano un po’ di sax e mi hanno chiesto di farlo. È stato divertente. Gli Scorpions che interpretano Elvis… Epico!
Hai anche lavorato con Rod Stewart. Com’è stato lavorare con lui?
Oh, è stata un’esperienza straordinaria. Ho passato il periodo migliore della mia vita. Sono stata in tour con lui per 14 anni e ho avuto modo di vedere la maggior parte del mondo. Ho avuto modo di vedere posti che “persone normali” pagherebbero un sacco di soldi per visitare. Sono davvero molto grata per questo. E ovviamente è stato incredibile esibirsi con un artista così iconico… Una delle più grandi rockstar viventi!
Aveva così tante canzoni di successo che è stato facile per lui mettere insieme una scaletta di 2 ore in cui praticamente suonavamo una canzone di successo dopo l’altra. Inoltre, Sir Rod mi è sempre stato di grande aiuto, ha sempre incoraggiato il pubblico a dare un’occhiata ai miei CD da solista e mi ha permesso di venderli al merchandising. Ha anche registrato nuovamente la voce nel mio remake di “Da Ya Think I’m Sexy” che ho pubblicato a novembre 2019.
Com’è stato suonare davanti alla Regina Elisabetta?
Piuttosto snervante! Era un piccolo pubblico con per lo più Reali presenti. La Regina sedeva proprio di fronte a me e mi è stato detto di non guardarla mai negli occhi. Una volta – ricordo – ho guardato in alto e i nostri sguardi si sono incontrati! Ero scioccata, ma non riuscivo a distogliere lo sguardo, quindi praticamente ci siamo fissate per un po’… Ero terrorizzata! LOL! Non è successo niente di male però!

Promo Photo Shoot: Musician KATJA RIECKERMANN
Shot at Flashaus Studios in Los Angeles on March 11, 2017
{retouched and color graded}
© Sven Doornkaat
Hair & Make Up: Stephanie Scanlon
Producer: Billie Kaman
Assistant: Safwan Saad

Qual è stata la tua introduzione alla musica? Cosa ti ha convinto a iniziare a suonare?
Crescendo negli anni ’70 e ’80 c’era il sassofono ovunque nella musica. Almeno la musica che ascoltavo io: pop, funk, soul, R&B ecc. Mi piaceva ascoltare soprattutto band come Earth Wind and Fire, Al Jarreau, Michael Franks, Steely Dan, Tower of Power, Huey Lewis and the News solo per citarne alcuni. Ho sempre amato il suono delle sezioni di sax e fiati. David Sanborn era il sassofonista che suonava praticamente su tutto. Quindi, quando l’ho visto dal vivo in tour con Al Jarreau sono rimasta ipnotizzata dal suo suono.
Volevo imparare il sax, ma i miei genitori non volevano che suonassi uno strumento musicale per qualche strana ragione. Ecco perché ho dovuto aspettare fino a diventare adulta per poterlo fare. Ho comprato il mio primo sax il giorno del mio 21esimo compleanno e ho iniziato subito a prendere lezioni private.
Non avevo assolutamente alcuna conoscenza musicale, ma ero convinta di voler diventare un musicista, quindi ho praticato ogni giorno per ore per molti anni fino a quando finalmente sono stato abbastanza brava. Allora, qual è il mio messaggio qui? Non è mai troppo tardi per realizzare il vostro sogno, ragazzi!
Come crei una canzone? Da dove viene l’ispirazione?
Dipende… A volte inizia con una melodia e poi costruisco la canzone attorno a quella. Oppure ho un groove che mi piace e mi viene in mente una linea di basso che poi suggerisce cambi di accordi e la melodia arriva per ultima.
Progetti per il prossimo futuro?
Sto lavorando a un paio di nuove canzoni in questo momento. Probabilmente usciranno dopo le vacanze nel nuovo anno.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Sono stata così fortunata a lavorare con alcuni artisti internazionali straordinari come Sir Rod Stewart, Lady Gaga, Mary J Blige, Dave Stewart (Eurythmics), Brooks e Dunn, Wang Chung, David Foster solo per citarne alcuni. Quindi, sono abbastanza contenta e posso dire di aver realizzato qualcosa. Tuttavia sarebbe bello suonare con alcuni artisti europei. C’è una coppia dalla Germania, Peter Maffay e Marius Mueller Westernhagen, che potrebbero essere divertenti. Apprezzo anche la musica pop italiana! Quindi, fatevi avanti. Sono aperta a qualsiasi suggerimento!
Siamo italiani. Hai dei ricordi particolari legati al nostro Paese?
È un dato di fatto che ci sono stata proprio questo ottobre. Una delle mie migliori amiche vive in Italia da molti anni. Ero stata da lei anni fa, quando viveva tra Firenze e Milano, ma non ci ero mai stata da quando si era trasferita a Bologna. Questo era nella mia lista dei desideri e poiché non c’era musica dal vivo, ho deciso di fare questo piccolo viaggio durante la pandemia. Non c’erano molte persone in viaggio e non c’erano molti turisti. Mi è davvero piaciuta Bologna e un giorno abbiamo preso il treno per Venezia ed è stato fantastico. Ovviamente sono stata a Roma un paio di volte e anni fa mi sono esibita anche a Lucca e Brescia con Sir Rod Stewart. L’Italia è un bellissimo paese con bella gente e ottimo cibo. Avendo vissuto negli Stati Uniti per così tanti anni, apprezzo tutta la storia e l’architettura in Europa in generale.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Adoro l’Italia! Che bel paese con così tanta storia, ottimo cibo e bella gente. Per favore, restate tutti in salute. (Alessandro Gazzera)
Foto: Michael Strider – Sven Doornkaat

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here