Intervista a Jillian Boehme, CronacaTorino alla scoperta del mondo del fantasy

Torna l'appuntamento di CronacaTorino.it con i libri. Oggi ci immergiamo nel genere fantasy e young adult con la scrittrice americana Jillian Boehme

Torna l’appuntamento di CronacaTorino.it con i libri. Oggi ci immergiamo nel genere fantasy e young adult con la scrittrice americana Jillian Boehme.
Un viaggio che parte dai suoi libri, ma che finisce anche nello scoprire la passione per l’Italia e la musica del nostro Paese.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Jillian Boehme, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Ciao e grazie per questa intervista! Sto bene e sono grata che la primavera sia finalmente arrivata nel Middle Tennessee. Sì, il mondo è stato decisamente capovolto durante lo scorso anno, ma ho scelto di non vivere nella paura e di mantenere la speranza per il futuro.
Il tuo primo libro “Stormrise” è stato una vera sorpresa per gli amanti del genere fantasy. Sono rimasto particolarmente colpita da Rain, una ragazza forte e indipendente. Quanto di lei c’è in te?
Sono così felice che ti piaccia Rain! Certamente vorrei che ci fosse più di lei in me: è più coraggiosa di me. La sua lealtà, però, è un tratto che condividiamo, così come il suo feroce amore per la sua famiglia.
In “The Stolen Kingdom”, il tuo ultimo libro, i lettori assistono alla storia d’amore tra Alac e Mara, qualcosa che cambia drasticamente le loro vite. C’è qualche possibilità per un sequel? Affronteranno altre sfide insieme?
Non ci sono piani per un sequel in questo momento, anche se sarebbe sicuramente divertente continuare la loro storia per vedere le prossime sfide che avrebbero dovuto affrontare.
Leggendo i tuoi libri ti affezioni subito ai personaggi. Come avviene la creazione di un personaggio?
Le mie storie sono guidate dai personaggi, quindi sono sempre felice di apprendere che un lettore si è affezionato a loro! I miei personaggi principali crescono dal seme di un’idea di storia, quando mi chiedo: “Cosa succederebbe se questo personaggio dovesse affrontare questo problema?” Mentre alcuni scrittori trascorrono molto tempo a sviluppare i loro personaggi prima di scrivere la prima bozza, i miei personaggi tendono a svilupparsi in modo più organico man mano che la storia procede e li vedo interagire con il loro mondo e i personaggi che li circondano.
La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
Non proprio. Scrivere è uno sforzo solitario, quindi il mio tempo di lavoro non è stato influenzato più di tanto (a parte non essere in grado di scrivere nei miei bar preferiti!). Dirò, tuttavia, che penso di essermi impegnata di più a vivere una vita migliore e a non permettere al mondo che mi circonda di rubare la mia gioia!
È più difficile promuovere un libro durante questo periodo di pandemia?
Sebbene sia vero che gli eventi di libri di persona si sono interrotti, così tante promozioni di libri avvengono online che non ho sentito particolari difficoltà. Quello che mi manca è l’opportunità di incontrare le persone, specialmente i giovani, faccia a faccia.
Come si crea un libro? Da dove viene l’ispirazione?
L’ispirazione di solito arriva quando meno me lo aspetto! Di solito è un unico pensiero, una sorta di immagine “e se” nella mia testa che accende il tutto. A volte queste scintille sprizzano nell’oscurità, ma a volte si trasformano in idee a tutti gli effetti. Come ho già detto, le mie storie tendono ad essere guidate dai personaggi, quindi queste scintille di ispirazione sono solitamente incentrate su una persona.
Parlando delle tue storie. La musica aiuta a creare mondi fantastici e a raggiungere il cuore delle persone?
Oh si! La musica è veramente il linguaggio universale. Sono una pianista e una cantante; la musica è sempre stata una parte importante della mia vita (ho una laurea in musica). Per ogni storia che scrivo, creo una playlist specifica e sono molto esigente su ciò che va in quella lista! La musica mi spinge nel mondo della storia ogni volta che la ascolto.
Progetti per il prossimo futuro?
Al momento sono in fase di pianificazione per il mio prossimo romanzo.
Siamo italiani. Hai ricordi legati al nostro Paese?
Io e mio marito abbiamo spesso sognato di possedere un vigneto in Italia! Non abbiamo mai viaggiato nel vostro paese, ma entrambi desideriamo ardentemente visitare Firenze e Venezia. Soprattutto vogliamo vedere la bellissima campagna italiana. Inoltre voglio vedere Pompei da molto tempo!
Per quanto riguarda la lingua italiana, l’ho studiata al college come parte delle mie lezioni di canto. Ovviamente era solo per la pronuncia, quindi non so parlare italiano (posso solo cantarlo!). Amo l’opera italiana (le opere di Mozart sono le mie preferite) e i madrigali italiani del periodo rinascimentale.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Cari lettori italiani, grazie mille per aver letto i miei libri! Sono lieta che vi siano piaciute le mie storie e sono onorata che voi abbiate scelto di passare il tuo tempo a leggere in inglese. (Mi rammarico della mia mancanza di fluidità in altre lingue!) Mi piacerebbe avere vostre notizie, quindi non esitate a scrivermi a jillian@jillanboehme.com.
(A.G.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here