Intervista a Frank Gambale, il ricordo di Chick Corea e il profondo amore per la musica

Una sorpresa speciale oggi con Frank Gambale. Il chitarrista italo-australiano ha raccontato a CronacaTorino l'amicizia con Chick Corea, la sua musica e i tanti progetti per il futuro

Una sorpresa speciale oggi con Frank Gambale. Il chitarrista italo-australiano ha raccontato a CronacaTorino l’amicizia con Chick Corea, la sua musica e i tanti progetti per il futuro. Un viaggio attraverso la musica e l’amore che smuove e alimenta le grandi passioni della vita.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Frank, come stai? Questo virus ha cambiato drasticamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Ebbene, con ogni cosa nella vita ci sono sempre due lati in ogni cosa. Da un lato, la pandemia ha tolto tutte le esibizioni dal vivo e ha reso la vita molto difficile a molti musicisti.
D’altra parte, la pandemia ha dato a noi musicisti molto tempo per riflettere su ciò che è importante nelle nostre vite. Più tempo per scrivere musica e corsi per la mia scuola di chitarra online, più tempo da trascorrere con la famiglia, più tempo per fare esercizio e prendermi una pausa dal viaggio mi andava abbastanza bene. Ho viaggiato e mi sono esibito in tutto il mondo costantemente per 36 anni. È stato un periodo rilassante per me. Questa riflessione mi ha portato a trasferire la mia famiglia a Barcellona dopo 40 anni a Los Angeles. Quindi è stato molto yin/yang. Non vedo l’ora di tornare sul palco. Nel frattempo, mi godrò la vita.
Cosa sta succedendo ora sul pianeta Frank Gambale?
Sto lavorando alle cose su cui ho sempre lavorato: nuova musica, nuovi corsi video didattici per la mia scuola online, mi prendo cura della mia famiglia e della mia salute. La mia scuola online è stata popolare durante la pandemia. Sono felice di aiutare e ispirare i musicisti a continuare a praticare e a migliorare le proprie abilità per amore della chitarra e della musica. Ecco il sito web http://www.frankgambaleguitarschool.com
Di recente il mondo della musica ha pianto la morte di Chick Corea. Voi avete lavorato insieme tanti anni… Puoi dirci qualcosa su di lui? C’è un ricordo particolare che racconta la vostra amicizia? C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
Chick Corea era un uomo meraviglioso, oltre al suo ovvio genio musicale, era un uomo gentile e di buon carattere amabile. Lavorare con lui, ovviamente, è stata un’emozione. La sua musica era sempre bella e stimolante e tirava fuori il meglio di me.
Amava la chitarra elettrica. Essendo il chitarrista più longevo a condividere il palco con lui, posso dire che ha amato il mio unico stile di suonare la chitarra e c’era rispetto reciproco.
Ho saputo della sua morte a tarda notte qui a Barcellona. Sono stato devastato. La mattina dopo non volevo alzarmi dal letto.
Mia moglie ha visto un post di una canzone intitolata “The Tale Of Daring” dall’album “Inside Out” della Elektric Band. È stato uno dei nostri più spettacolari pezzi che abbiamo registrato. Dura circa 15 minuti ed è un brano musicale incredibilmente intenso.
L’ho ascoltato dopo tanto tempo e mi sono riempito d’orgoglio. Il tutto ha riportato alla mente i ricordi della registrazione. Ricordo di aver ricevuto la musica prima di entrare in studio e di aver pensato due cose:
1. Come si scrive una musica del genere?
2. Come potrò mai suonarla?!
Ricordo che era lunga circa 32 pagine con poche ripetizioni. Inutile dire che l’ho suonata e ricordo anche di averlo fatto dal vivo con la reazione del pubblico. La gente era così sbalordita da ciò a cui aveva appena assistito che l’applauso ha impiegato circa 30 secondi per arrivare dopo la fine della canzone. La gente sembrava avesse bisogno di qualcosa per staccare le mandibole da terra. (ride) Mi manca e mi mancherà per sempre.
Hai lavorato con il nostro concittadino Maurizio Colonna. Una collaborazione incredibile, possiamo sperare di vedere qualcosa di nuovo da voi due in futuro?
Mi è piaciuto molto lavorare con Maurizio. È un chitarrista e un compositore classico straordinariamente dotato. I 3 album che abbiamo realizzato sono belli, melodici e pieni di fuoco e passione. Sarebbe bello fare di nuovo qualcosa insieme un giorno, se c’è interesse là fuori.
Qual è stata la tua introduzione alla musica? Cosa ti ha convinto a iniziare a suonare?
Avevo due fratelli maggiori che avevano iniziato a suonare. Ero il più giovane e volevo solo fare quello che stavano facendo loro. Avevo 6 o 7 anni. Mi hanno introdotto alla musica che normalmente non ascoltavo da ragazzo. Ricordo che suonavo molto blues ed ero diventato abbastanza abile dopo circa 3 anni. Il mio fratello maggiore Nunzio mi ha portato a un festival pop quando avevo 9 anni e ho convinto una delle band a farmi sedere. Mi sono seduto in fondo al palco con i piedi a penzoloni e ho suonato una chitarra presa in prestito. C’erano circa mille persone. L’emozione che ho avuto dalla reazione del pubblico ha praticamente cementato quello che già volevo fare nella vita.
Come crei una canzone? Da dove viene l’ispirazione? La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
La scrittura è un lavoro d’amore. Ci vuole molto tempo e molta solitudine e tranquillità. Circondato da strumenti e strumenti del mestiere come computer, software ecc. e inizi… Picasso ha detto che “l’ispirazione deve trovarti a lavorare”.
Una cosa segue l’altra. L’ispirazione arriva quando lavori/sei seduto e scrivi. È uno sforzo consapevole. All’inizio la pandemia aveva cancellato molto il mio desiderio di scrivere, ma ora mi trovo con una grande voglia di scrivere nuova musica. Sono a buon punto con le canzoni per il mio prossimo album. Sto anche scrivendo tre nuovi corsi contemporaneamente per la mia popolare scuola online per continuare a ispirare anche altri chitarristi a dare il loro meglio.
Progetti per il prossimo futuro? 
Più musica, più gioia, più vita ispirata, più scoperta. Sento che con la morte di Chick Corea ho un’energia rinnovata per andare avanti come lui avrebbe voluto, essendo creativo e facendolo sempre con gioia nel cuore.
Sappiamo delle tue origini italiane. Hai qualche ricordo particolare legato nostro Paese?
I miei genitori erano immigrati in Australia da un villaggio vicino a Napoli. Crescere con l’eredità italiana è stato molto speciale per me. Il giardino era pieno di frutta e verdura. La casa immacolata, il cibo incredibile, la passione infinita. Questo, mescolato all’influenza molto britannica derivante dalla crescita in Australia ha fatto si che sia stato fortunato nel crescere in un ambiente così fantastico. Io amo l’Italia. Alcuni anni fa ero nella città natale dei miei genitori e dei miei parenti hanno organizzato un evento speciale per farmi diventare cittadino onorario. Ero davvero onorato, soprattutto di avere mia zia e mio zio al mio fianco, e c’era praticamente in tutto il paese! Un giorno che non dimenticherò mai.
Ultima domanda: un messaggio ai fan italiani
La vita è breve, fai quello che ami… Ogni giorno. (Alessandro Gazzera)
Foto: http://www.frankgambale.com/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here