Intervista a Carl Verheyen Supertramp, il chitarrista americano presenta il nuovo disco “Sundial”

Carl Verheyen, storico chitarrista dei Supertramp, ha raccontato il periodo che stiamo vivendo e la sua musica

Un affascinante mix tra chitarra e generi completamente diversi tra loro. Questa potrebbe essere la definizione più corretta di “Sundial” il nuovo disco di Carl Verheyen.
Lo storico chitarrista dei Supertramp, raggiunto da CronacaTorino, ha raccontato il periodo che stiamo vivendo e la sua musica. Non chiudendo completamente la porta a un ritorno dei Supertramp.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Buongiorno Carl, come stai?

Sto bene. Sono stato impegnato a scrivere, a esercitarmi, a insegnare e ultimamente a produrre un bel po’ di altri artisti.
Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?
Di recente ho parlato con un mio amico chitarrista e gli ho fatto la stessa domanda. Ha detto: “Non tocco la mia chitarra da 6 mesi, sono totalmente privo di ispirazione”. Quell’unico commento mi ha spinto all’azione, ho capito che questo è il momento perfetto per creare ed essere produttivi. Come musicisti in tournée, il nostro programma abituale è un festival qui e un breve tour là. Ma essendo stato a casa tutto l’anno scorso, ho usato il tempo per chiudermi nel mio studio e scrivere ogni giorno per almeno 2 ore. E questo è in aggiunta alla mia pratica abituale. Quindi, anche se è stata una “grande pausa” nella mia carriera, ho usato ogni giorno per migliorare le mie capacità e creare nuova musica. E sta dando i suoi frutti!
Cosa devono aspettarsi i fan da “Sundial”?
“Sundial” è un album esoterico con molti stili. Come chitarrista che ha trascorso molti anni in studio a Los Angeles e sono diventato un grande fan di molti stili musicali diversi. La differenza tra blues e bluegrass, jazz, country, rock o qualsiasi altra musica si riduce solo all’ornamento dello stile, che include fraseggio, scelta di note e suono. Amo il blues, ma non penso che potrei passare il resto della mia vita a suonare quell’unico stile. In effetti, io mi sento liberato dal vincolo di un solo genere.
C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
La title track è molto interessante, soprattutto alla fine. Mi fa sempre sorridere. E amo l’energia dal vivo di “Kaningie” dove ho usato 2 batteristi e ho chiesto loro di suonare un tipo di groove “afro-pop”. Ero così ispirato in studio che ci ho provato e il risultato è davvero divertente da ascoltare.
Come crei solitamente una canzone?
A volte suono la mia chitarra liberamente per la gioia di sentire le note nell’aria. Suonerò una linea ascendente in Si maggiore e passerò a F minore a metà. Poi salterò su qualunque chiave mi venga in mente. È un modo libero di esercitarsi, ma a volte produce una melodia o un nuovo riff che posso iniziare a sviluppare. E mi piace scrivere testi mentre cammino sulle colline intorno a casa mia a Topanga, in California.
La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
Ho passato molto più tempo con mia moglie e lei è sempre un’ispirazione!
Progetto per questo 2021?
Spero di fare un tour in autunno con la mia band. Il tour è completamente prenotato a partire dal 1 ottobre, quindi spero davvero che accada.
Ci sono progetti per il prossimo futuro dei Supertramp?
A questo punto non credo che i Supertramp torneranno in tour. Rick si è ripreso bene dal cancro dopo che il nostro tour del 2016 è stato cancellato, ma non credo che abbia l’energia per lanciare un altro enorme tour. Mai dire mai però! Rick Davies è stato un grande mentore per me nella mia vita musicale, quindi non lo conterò ancora come fuori dal gioco.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Sono sicuro che ce ne sono molti. Mi dispiace di non aver mai lavorato con Chick Corea, ma una volta ci sono andato molto vicino. Ho lavorato con Ray Charles in uno show televisivo e con i BeeGees in un album. Allora, che ne dici di un “long shot?” Paul McCartney!
Siamo italiani. Hai dei ricordi speciali legati al nostro Paese?
Per un periodo di 3 anni, tra il 2008 e il 2010, sono venuto in Italia 4 volte all’anno. Un totale di 12 volte! Parliamo di un lungo volo dalla California. Sono volato lì per un tour acustico da solista e due mesi dopo sono tornato con la mia band, i CVB. Successivamente sono venuto per un camp di chitarra di una settimana in Sicilia e a Bologna e poi di nuovo per un tour didattico di master class. Sono stato in Italia con i Supertramp o i CVB per i festival estivi. Quindi ho moltissimi ricordi delle persone, della musica, del cibo, dei paesi e delle città. Ma anche 2 frasi che non dimenticherò mai dal navigatore della macchina: “Recalcolatore!”, oppure “Calcola nouvamente!”. Andavamo sempre per strade a senso unico nel modo sbagliato!
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Il vostro apprezzamento per la vera musica mi riporta in Italia ogni anno. E la vostra bellissima tradizione di mostrare agli artisti itineranti perché la vostra città è la migliore, con i paesaggi più belli e il cibo più delizioso… Beh è così accogliente. Amo tutte le regioni d’Italia e spero di continuare a suonare per molti anni! (A.G.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here