Intervisa a Tim Ries, un viaggio musicale tra jazz, flamenco e Rolling Stones

Torniamo a raccontare la musica dei Rolling Stones con Tim Ries. Il sassofonista e compositore americano ha raccontato a CronacaTorino.it il suo 2020 tra il comporre e la passione per la cucina italiana. Un viaggio tra più generi musicali che parte dal jazz, ma che passa anche dal flamenco e dal rock.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Tim, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Ciao, Alessandro. Sto bene. Io e la mia famiglia siamo tutti sani e al sicuro durante questo periodo molto difficile e ci siamo tutti offerti volontari per aiutare dove somministrano i vaccini. Così tante persone qui negli Stati Uniti sono morte a causa di questo terribile virus e ho perso anche alcuni amici. Sto cercando di rimanere positivo, ma non è facile. Spero che presto potremo tornare a una sorta di vita normale.
Cosa sta succedendo ora sul pianeta di Tim Ries?
Sono per lo più solo a casa a cucinare molto, principalmente cibo italiano perché è il mio preferito. Faccio del mio meglio per fare una buona salsa rossa, ma faccio anche lunghe passeggiate ed escursioni e principalmente suono il mio sassofono e il pianoforte. Ho scritto più di 100 canzoni dall’inizio della Pandemia. Spero di registrare un po’ di questa musica questa primavera e in estate.
Qual è stata la tua introduzione alla musica? Cosa ti ha convinto a iniziare a suonare?
Mio padre suonava la tromba, mia madre e le mie tre sorelle suonavano il pianoforte e tutti in famiglia cantavano. Mio padre aveva una band dance, che suonava principalmente jazz degli anni ’30 e ’40. Andavo con lui ai suoi concerti sin dalla tenera età e dopo i concerti la band tornava a casa nostra e mia madre cucinava per la band mentre facevano jam session fino alle 4 o alle 5 del mattino. Quindi essere sempre in giro per la musica è stata solo una parte della mia vita sin da quando ho memoria.
Ho iniziato a suonare con la sua band da quando avevo 11 o 12 anni. Nessuno ha dovuto convincermi a suonare, è successo solo perché è quello che ha fatto la mia famiglia. Ho anche studiato musica classica all’Università del Michigan e mio padre mi portava in macchina nei jazz club di Detroit e Toledo, così potevo ascoltare i grandi musicisti jazz della zona e iniziare a stare con loro per imparare il grande repertorio jazz.
Nella tua carriera hai lavorato con molti musicisti con la stessa passione e successo. Qual è il tuo segreto?
Non credo di avere un segreto. Ho lavorato molto duramente per molti anni per diventare il musicista che sono. Inoltre, mi sto ancora esercitando tutto il tempo per migliorare perché sto ancora cercando di diventare un musicista ancora migliore. Ci vuole una vita per raggiungere questo obiettivo. Mi sento ancora come se fossi solo all’inizio.
Ho avuto la fortuna di incontrare e suonare con alcuni musicisti di incredibile talento. In effetti, molti dei miei amici e colleghi sono tutti appassionati nell’essere i migliori musicisti che possono essere. È una bella vita essere un musicista. È difficile, perché spesso siamo lontani dalla nostra famiglia e dai nostri cari, ma è la nostra vita e ciò che abbiamo scelto di fare. Mi sento abbastanza fortunato di poter suonare musica in tutto il mondo con alcuni dei più grandi musicisti.
Adoro il tuo progetto Flamenco meets Jazz. Come è nata questa idea?
Ho sempre amato il flamenco. Ho incontrato una donna di talento dall’Uruguay, Graciela Perrone, che è una grande cantante, ballerina e artista. Dopo averla invitata a unirsi a me sul palco come ospite, ha detto che mi avrebbe presentato la sua buona amica Sara Baras, una delle più grandi ballerine di flamenco. Pochi mesi dopo ero in Europa e sono andato a Madrid dove Sara si stava esibendo e mi ha invitato a unirsi a lei sul palco per il bis. Da quella notte e per i successivi 15 anni abbiamo lavorato insieme abbastanza spesso. Inoltre ho incontrato Miguel Marin che è un grande promotore di artisti di flamenco e mi ha presentato molti altri meravigliosi artisti. Ho lavorato con il pianista di flamenco Dorantes, il ballerino Jesus Carmona e molti altri.
Sei un collaboratore dei Rolling Stones ormai da anni. Com’è nata la collaborazione tra voi?
Sono con i Rolling Stones da 22 anni. Non riesco ancora a credere che sia passato così tanto tempo. Nel 1999 c’era una sezione di fiati con gli Stones a New York, dove vivo: il sassofonista Andy Snitzer, il trombonista Michael Davis e il trombettista Kent Smith, insieme al sassofonista di lunga data degli Stones Bobby Keys. Andy Snitzer ha lasciato la band per suonare con Paul Simon ed è stato allora che mi hanno chiamato per unirmi a loro.
Quali emozioni hai provato la prima volta sul palco con loro?
È stata una combinazione di molte emozioni tutte in una volta: gioia, eccitazione, gratitudine e la sensazione di un sogno che si avvera. È sempre lo stesso dopo tutti questi anni. È sempre divertente e sono estremamente grato di far parte di questa leggendaria band per portare così tanta felicità a così tante persone in tutto il mondo.
Nel tuo ultimo album “Life Changes” lavori con Jack DeJohnette. Com’è lavorare con lui?
Jack è fantastico, sia come essere umano che come musicista. Jack è sempre stato uno dei miei musicisti preferiti ed è stato un onore e un privilegio registrare con lui. Quella registrazione è stata la prima volta che ho suonato con lui e mi ha fatto sentire così rilassato e a mio agio ed è stato molto incoraggiante riguardo alla mia musica.
È stato molto divertente registrare con lui e il resto della band. È come uno zio molto simpatico che tutti vorrebbero avere. Ho avuto la fortuna di lavorare parecchio con la band di Jack e di registrare la sua musica per un suo CD.
“Life Changes” è una canzone molto bella. Come è nata quella canzone?
Grazie mille per le tue gentili parole. Quella canzone è stata scritta per il matrimonio di due miei buoni amici. Tutte le canzoni sono diventate molto legate alle persone della mia vita. Le canzoni sono per la nascita dei miei 3 figli, mia madre che è morta, per altri membri della famiglia, per amici, e 2 canzoni per Jack DeJohnette. La vita è in continua evoluzione e gli eventi che accadono segnano tappe importanti e talvolta tristi. Inoltre, i cambiamenti si riferiscono ai cambi di accordo in una canzone e quindi hanno un doppio significato.
Progetti per questo 2021?
Voglio registrare molte delle canzoni che ho scritto nell’ultimo anno e spero di fare qualche concerto dal vivo di fronte a un pubblico. Mi manca molto. I musicisti vogliono solo esibirsi, è quello per cui siamo nati e ora non possiamo farlo. Speriamo che tutti rimangano sani e salvi e che possiamo essere di nuovo in tour presto.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Ci sono così tanti artisti con cui mi piacerebbe lavorare. Troppi per citarli tutti, ma musicisti e ballerini di molti generi musicali: jazz, rock, soul, R&B, funk, rap, flamenco, fado, brasiliano, tango, classica, molti stili di musica da paesi di tutta l’Africa, il Medio Oriente, Sud America, Giappone, Cina e altro ancora.
Se dovessi dirne solo alcuni, direi Stevie Wonder, anche se ho suonato un paio di concerti con lui molti anni fa, mi piacerebbe suonare e registrare di nuovo con lui perché è stato il mio eroe sin da quando ero bambino. Altri sarebbero Paul McCartney, Sting, Herbie Hancock, Caetano Veloso, Gilberto Gil, Milton Nascimento, Farruquito, Vicente Amigo e tanti altri. Potrei elencarne altri 100.
Siamo italiani. Hai avuto ricordi speciali del nostro Paese?
Come ho detto prima, amo cucinare e il mio cibo preferito da cucinare e mangiare è il cibo italiano. Posso facilmente mangiare cibo italiano ogni giorno. Sono stato in Italia molte volte e ogni volta lo amo di più: le persone, l’architettura, la storia, il cibo, il vino, la musica e il bellissimo paesaggio. Potrei tranquillamente vivere in Italia. Posso dire con certezza che sono più felice quando arrivo in Italia rispetto a quando parto. Spero di tornare presto.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Spero di essere in Italia quest’estate o il prossimo autunno. Il vino rosso e la pasta sono nei miei sogni. (Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here