Manifestazioni contro il DPCM Torino, le due facce della protesta cittadina

La manifestazione di Piazza Vittorio, a Torino, si conclude pacificamente, ma è in Piazza Castello dove alcuni teppisti scelgono la via degli scontri e dello sfasciare vetrine di negozi

La protesta torinese contro le nuove misure del Governo ha mostrato i suoi due volti. In Piazza Vittorio Veneto si sono riuniti commercianti, lavoratori della cultura e semplici persone preoccupate dalla situazione. La protesta è stata pacifica, ma con tante testimonianze di chi ormai non ce la fa più e si sente abbandonato dalle Istituzioni di questo Paese.
Una voce chiara di chi non ha fiducia nelle misure di sostegno annunciate dal Premier Conte e teme che si tratti solamente di una sorta di “elemosina” o poco più.
L’altra faccia della serata torinese, la più triste, si è mostrata in Piazza Castello con teppisti di varia natura che hanno preferito gli scontri con le Forze dell’Ordine e lo sfasciare le vetrine nella vicina via Roma. I malviventi hanno anche tentato il saccheggio di un negozio, ma le Forze dell’Ordine sarebbero riuscite a recuperare per intero la refurtiva.
Dieci le persone fermate, alcuni di loro sarebbero appartenenti al tifo organizzato cittadino. Feriti un fotografo e due poliziotti con i negozianti del centro cittadino che domani dovranno fare la conta dei danni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here